Pubblicato il

Ecovillaggio: una vita a impatto zero

Piccole comunità intenzionali basate sulla sostenibilità. Perché non cambiare vita?

prato, campo, persone, tramonto
 thinkstock

Cos’è un Ecovillaggio? Una definizione corretta, o quanto meno sommariamente precisa, identifica questa realtà come una dimensione costruita ed ideata per poter soddisfare le necessità dell’uomo e dell’ambiente. In parole povere la suddetta tipologia di villaggio è assimilabile ad una microsocietà ecosostenibile intenzionata a vivere secondo modelli di sostenibilità ecologica, socioculturale ed economica.

VAI ALLA RUBRICA ‘TUTTO GREEN’ DE LASTAMPA.IT

I membri della suddetta comunità condividono il medesimo “stile di vita a impatto zero”, promuovendo un impegno costante e tangibile sia nelle scelte abitative che in quelle di consumo. Spesso l’edilizia privilegia, infatti, materiali locali per la costruzione permettendo alle strutture abitative di integrarsi alla perfezione con il territorio. Inoltre, l’uso di fonti energetiche rinnovabili, come i pannelli solari, è un punto cruciale delle “politiche pulite” dei villaggi.

La struttura socioeconomica di queste realtà è caratterizzata dalla presenza di una cassa comune e dalla condivisione della maggior parte degli spazi. Ma non solo, gran parte di queste strutture sviluppano metodi di auto sostentamento tramite la produzione interna dei beni di prima necessità, dagli alimenti al vestiario.

Leggi: TREE HOUSES, PROGETTI VISIONARI DI CASE SUGLI ALBERI

In Italia le realtà di questo tipo sono concentrate in modo particolare nella zona centrale dello stivale, ma si tratta di villaggi di piccole dimensioni con una popolazione media di massimo 20 abitanti, a cui fa eccezione Damanhur con 1.200 membri. La Città Della Luce, ad esempio, è un modello di comunità intenzionale basata sulla sostenibilità, ambientale e relazionale. Il suddetto ecovillaggio sorge a Ripe, paesino situato tra le colline marchigiane, ed è un’azienda agricola che lavora secondo i principi dell’agricoltura sinergica e biodinamica.

Leggi: DORMIRE IN UN NIDO, RIGUGI BIO IN SALENTO

Tutti coloro che decidono di far parte della Città della Luce sposano uno stile di vita fondato sulla sobrietà, o meglio su una ‘lussuosa semplicità’. L’obbiettivo della comunità è quello di ridurre al minimo l’impatto ambientale facendo ampio uso di energie rinnovabili e cercando di raggiungere la completa autosufficienza alimentare.

Per entrare in questo mondo particolare e capirne le dinamiche basterà cliccare su www.lacittadellaluce.org

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ViaggiTag