Pubblicato il

Pancia di maiale con patate e mele cotogne

Una ricetta esclusiva del “Lanificio” di Roma per Stile.it

iStock

L’INGREDIENTE Le mele cotogne sono un frutto tipicamente autunnale che appartiene alla famiglia delle pomacee. La stessa di pere e mele. Si trova soprattutto nelle regioni del Sud Italia, ed è un frutto ricchissimo di pectina, con proprietà gelatinizzanti, stabilizzanti e addensanti. In questo modo si tengono a bada i valori di glicemia e di colesterolo nel sangue. La mela cotogna, infine, contiene acido malico, sostanza che favorisce la digestione e vanta interessanti proprietà antinfiammatorie per intestino e stomaco.

LA RICETTA Pancia di maiale con patata americana e composta di mele cotogne

LA DIFFICOLTA’ media

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE – Una patata americana, 1/2 pancia di maialino (circa 1 kg), 2 kg di mele cotogne, 100 gr di zucchero, vaniglia qb, una stecca di cannella, odori a piacimento.

TEMPI DI PREPARAZIONE: 140 minuti

LO SVOLGIMENTO Preparare un fondo di sedano, carota e cipolla per la pancia di maiale. Far rosolare il tutto in una casseruola. Sfumare con un bicchiere di vino bianco. Adagiarci la pancia con gli odori. Mettere in forno per 2 ore a 180C.

Per la composta di mele cotogne. Tagliare grossolanamente le mele (diametro circa 2/3 cm). Mettere in una pentola insieme a zucchero, cannella e un baccello di vaniglia. Girare frequentemente e far cuocere per circa un’ora. Una volta cotte, rimuovere vaniglia e cannella. Frullare le mele. Pronta la pancia, porzionarla e servirla con chips di patata americana (fritte in olio di girasole a 160C) e composta di mele cotogne.

IL LOCALE Lanificio Cucina, a Roma, è un’osteria moderna che ridefinisce l’esperienza del gusto attraverso la rivisitazione e la sperimentazione dei sapori. Un luogo dove degustare percorsi gastronomici di alta qualità, con calma e senza formalismi. Qui i piatti della tradizione convivono con proposte internazionali e sono l’occasione per incontri originali e inaspettati, frutto dell’instancabile ricerca dello chef Gabriele Ciocca. Misura, creatività e attenzione al particolare sono le chiavi per interpretare l’atmosfera che si respira. Sia nel piatto, che nel locale.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag