Pubblicato il

Papà millennials più vicini ai figli. O almeno vorrebbero

Molti padri vorrebbero partecipare di più alla crescita dei loro figli. Ma il lavoro non glielo permette

istockphotos

La figura paterna, cambiata radicalmente nei secoli, è sempre più presente nella vita dei figli. O almeno vorrebbe esserlo. Anche se le mansioni domestiche sono ancora lungi dall’essere equamente distribuite, riportano alcuni sondaggi, la generazione maschile dei trenta-quarantenni di oggi vuole partecipare attivamente alla vita della famiglia. I papà millennials, ovvero la generazione che attualmente ha l’età per metter su famiglia, desiderano distribuire più equamente i compiti che riguardano la crescita dei figli. Ma non sempre è permesso loro di farlo. Lo dimostra una ricerca condotta in Gran Bretagna, il Modern Family Index 2017. Molti papà millennials vorrebbero essere più presenti nella vita dei figli, ma non ci riescono.

Papà millennials: meno lavoro e più vita domestica

Papà millennials fa il bucato

Non solo ‘chi porta a casa lo stipendio’: il papà millennial vuole dividere i compiti domestici. Vuole pulire, cucinare, fare la spesa. Vuole dividere equamente le mansioni nella vita di coppia. E vuole essere più presente nella vita dei bambini. Ma secoli e secoli di genitorialità esclusivamente delegata alle mamme, hanno impostato le politiche del lavoro e sociali incentrandole sulla figura materna.

E difatti gli uomini faticano ad avere permessi per paternità più lunghi di qualche giorno. Raramente ottengono part-time o avvicinamenti per la paternità. Secondo il report britannico, un’indagine statistica che viene condotta ogni anno per monitorare le famiglie di lavoratori inglesi, il 53% dei papà millennials vorrebbe un lavoro meno stressante per potersi dedicare di più alla famiglia. Il 48% sarebbe disposto a tagliare lo stipendio se questo significasse vivere una vita più serena.

I datori di lavoro di un quinto degli intervistati non contempla che un loro impiegato anteponga la famiglia al lavoro. O possa aver bisogno del nido aziendale, di permessi speciali, di evitare gli straordinari. Addirittura quasi la metà degli intervistati afferma di dover mentire ai boss quando le responsabilità paterne ‘intralciano’ il lavoro.

Anche i dati Istat relativi all’Italia confermano questa tendenza. Tra le coppie millennials si distribuiscono maggiormente i carichi domestici. La cura dei figli (pappa, nanna, compiti, bagnetto) è principalmente della donna, ma rispetto ai dati degli anni passati qualcosa sta cambiando e la discrepanza si sta assottigliando. E’ evidente che sta avvenendo un importante cambio di mentalità nelle generazioni attuali di adulti. Uomini più coinvolti nella conduzione della vita familiare, donne che hanno sempre più successo sul lavoro: la parità di genere è ancora lontana, ma che si stia cominciando a vedere uno spiraglio all’orizzonte?

 

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag