Pubblicato il

Spremuta d’arancia: come trarne (realmente) i benefici

Il succo degli agrumi è un toccasana. Ma siete sicure di assumerlo nel modo giusto?

istockphotos

La spremuta d’arancia – e di altri agrumi – è di per sé sanissima, ma a volte annientiamo il suo potere senza rendercene conto. La vitamina in essa contenuta è infatti delicatissima, e spesso finisce che, una volta bevuto il succo, il nostro corpo non ne abbia a disposizione nemmeno un po’. Che la vitamina C sia di importanza fondamentale per la salute del corpo lo sentiamo dire sin da quando siamo bambini. Quello che però spesso ignoriamo, è la difficoltà che ha il corpo ad assimilarla. La maggior parte di questa vitamina viene infatti espulsa, o si volatilizza mentre viene manipolata.

Spremuta d’arancia: how to

Arance e succo

Occorre seguire alcune ‘regole’ per trarre reali benefici dalla spremuta d’arancia. Innanzitutto, è bene acquistare arance solo nella stagione giusta (inverno e inizio primavera). E prendere la vitamina C da peperoni e albicocche nei mesi estivi. Non c’è da stupirsi se una spremuta a metà luglio è acquosa e insapore.

Detto questo, una volta spremuta l’arancia occorre bere il succo immediatamente, o quasi. La vitamina C infatti è altamente volatile, e tende a ridurre la sua presenza man mano che il tempo trascorre. L’ideale è non attendere più di qualche minuto, giusto il tempo di riempire il bicchiere. Se si vuole bere una spremuta ore dopo (magari portandola al lavoro, o preparandone una brocca da sorseggiare durante il giorno), si deve anche considerare il fatto che quel succo non avrà poi molta vitamina da offrire, ma solo qualche residuo. Dopo 12 ore non se ne troverà traccia.

Veniamo quindi alla combinazione di caffè, cornetto e spremuta d’arancia della classica colazione al bar. Potrebbe non essere una grande idea quella di far assorbire al corpo caffeina e vitamina C insieme. La caffeina infatti, ha la capacità di inibire l’assorbimento di alcune vitamine, tra cui la A e la C (cioè quelle contenute nelle arance) e di minerali. L’effetto non è immediato, ogni processo nell’organismo richiede i suoi tempi. Tuttavia in linea di massima è consigliabile assumere poca caffeina se si hanno carenze vitaminiche.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag