Pubblicato il

4 ragioni per cui la palestra fa male al sesso

Parte il conto alla rovescia: meno 4 mesi alle prime forme esibite. Ecco come l’allenamento può ripercuotersi sulla vostra intimità

Sport in palestra
iStock

Si sa, in fatto di fisico, a febbraio, è tempo di correre ai ripari. La bella stagione in cui ci si spoglia, infatti, si avvicina. Tutti in palestra, quindi, per un allenamento che riesca a farvi apparire migliori. Con voi stessi e con gli altri. Ma c’è un dazio, spesso, da pagare. E ha a che fare con la vostra camera da letto.

Ecco quattro ragioni per cui gli intensi allenamenti in palestra possono avere delle serie controindicazioni.

Riducono la “sensibilità”. Secondo alcuni recenti studi intense sessioni di ciclismo potrebbero avere un impatto negativo sulla zona pelvica di una donna. Sino a causare una sorta di insensibilità genitale, che altererebbe anche la sessualità della coppia.

A rischio anche la propria autostima. Secondo una ricerca, quando si va in palestra per perdere peso, il corpo si adatta a livelli più elevati di attività. E alla fine si bruciano meno calorie di quanto si vorrebbe. L’angoscia di combattere con tutte le proprie forze senza ottenere vistosi risultati potrebbe danneggiare la vostra autostima. E, a volte, causare abitudini alimentari pericolose.

Cala la vostra libido. Per quanto possa fare bene a lungo termine, l’aggiunta di due ore di allenamenti intensivi ogni due giorni può aumentare lo stress. Soprattutto se la vostra vita è già abbastanza frenetica. La prima conseguenza di questa eccessiva attività si ripercuote sul sesso. Che diventerà sempre meno desiderato.

Potrebbe causare lesioni. Quando ci si affanna e non si fanno le cose con il dovuto rispetto per il tempo, si rischia di sbagliare allenamenti, esercizi, movimenti. Le parti più colpite dai piccoli infortuni sono spalle e ginocchia. Ma anche la colonna vertebrale è spesso soggetta a rischi. Occorre prestare molta attenzione. Non solo per voi, ma anche per chi vi ama, che dovrà prendersi cura di voi. E la situazione non è molto “stimolante”.