Pubblicato il

Consigli per l’ufficio: stop all’individualismo, fa male

L’altruismo come chiave del successo professionale

Uomo esulta Consigli per l'ufficio
iStock

Consigli per l’ufficio: ovvero come vivere l’ambiente di lavoro al meglio? In ufficio si tende a pensare che la spinta personale, l’ego, siano caratteristiche assolutamente positive per vivere bene la propria professione. Nulla di più sbagliato. Sarebbe l’altruismo il segreto di una buona atmosfera sul posto di lavoro. A dichiararlo è uno studio Ipsos riportato dal magazine Marie Claire.

Consigli per l’ufficio: via libera all’altruismo

Stress, stanchezza e senso di colpa sono sentimenti che possono sorgere sul posto di lavoro, in particolare a causa della crescita dell’individualismo. La ricerca del successo personale è il mantra che ci viene ripetuto da sempre. Quello della competizione e dell’ego come sinonimo di successo. Al contrario invece non è la concentrazione su di sé a far vivere bene l’interno del posto di lavoro.

“Si potrebbe pensare che l’altruismo sia un valore molto lontano del mondo degli affari, che spesso è governato dal concorso di idee, risultati e profitti”, dice Alexandra Roulhac, sorta di allenatore della felicità a Parigi. Al contrario, secondo un sondaggio Ipsos dal titolo “La comprensione e il miglioramento del benessere sul luogo di lavoro”, risalente al 2016, l’altruismo contribuisce fortemente alla felicità dei dipendenti. Anzi, l’avere il sostegno da parte dei colleghi in caso di difficoltà è uno dei principali fattori di benessere sul luogo di lavoro.

La qualità dei rapporti umani è di primaria importanza, come dimostra il professionista del pensiero positivo: “. L’altruismo permette una migliore comunicazione, migliora il lavoro di squadra e dà senso alle mansioni”.

Come diventare un lavoratore più altruista? Le dritte

“Bisogna partire da cose semplici, come prendere il tempo per accompagnare un nuovo collega e aiutarlo a integrarsi nella squadra”, ha detto Alexandra Roulhac.

A migliorare l’atmosfera del posto di lavoro contribuisce non solo l’atmosfera tra colleghi. Fondamentale è anche il ruolo del manager. Secondo l’esperto deve essere una figura ispiratrice e non temuta dai suoi colleghi. Deve incoraggiare il suo team e così incrementare la produttività.

Eppure, la domanda sorge spontanea. Come si concilia tutto questo con la sana voglia di fare carriera? L’ambizione e l’altruismo non sono affatto incompatibili. Anche se ci sono carrieristi che pensano alla carriera come ad una lotta contro l’altro, è l’aiuto reciproco – secondo l’esperto – a migliorare la carriera e il benessere.

Altro consiglio è quello di non dire sempre sì. L’altruismo e la gentilezza non possono essere confusi con la paura di dire “no”. “Quelli che dicono sì a tutto sono uomini e donne che hanno un bisogno di riconoscimento o che hanno paura”. Insomma a tornare in auge sul posto di lavoro è l’idea che sia proprio il gioco di squadra a renderlo un posto più piacevole per tutti.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag