Pubblicato il

Un grande scarto di età rovina il matrimonio

Può durare al massimo 10 anni e tra le cause di rottura principali, i problemi economici. A dirlo è la scienza

Coppia con grande scarto di età
iStock

Johnny Depp e Sunny Ozell, Doug Hutchison e Courtney Stodden: solo esempi per cui un grande scarto di età tra coniugi rovina il matrimonio. Intendiamoci: un marito con una moglie giovanissima può solo essere contento. Ma solo all’inizio della vita coniugale. E lo stesso vale per mogli molto più anziane dei mariti (pensate ai coniugi Macron). Il fatto è che a lungo andare, l’amore eterno si esaurisce. E il motivo principale risiede nelle difficoltà economiche. A rivelarlo, uno studio dell’Università del Colorado a Boulder, pubblicato su Journal of Population Economics.

Un grande scarto di età rovina il matrimonio: lo studio

I ricercatori hanno “seguito”per 13 anni oltre 7.000 famiglie australiane. I risultati delle interviste annuali tra il 2001 e il 2014 sono stati inseriti nel programma “Labor Dynamics in Australia” (HILDA). Lo studio mirava a misurare il livello di soddisfazione relativo a vari aspetti della vita, matrimonio incluso.

I primi dati raccolti non rappresentano una grande novità. È emerso che gli uomini sposati con giovanissime fossero più soddisfatti rispetto a quelli coniugati con donne più mature. Terra McKinnish, autrice dello studio, spiega: «Anche le donne sono particolarmente insoddisfatte del matrimonio con uomini più anziani. Al contrario, sono molto soddisfatte se sposate con un uomo più giovane». Ma non finisce qui. La favola tende a terminare dopo i 6 o 10 anni. Con il passare del tempo, una forte differenza di età tende a impoverire il sentimento rispetto a quello tra coetanei.

Problemi economici: insuperabili con un grande scarto di età

Non è di certo il caso di Donald o Melania Trump. Ma i problemi economici dicono la loro in fatto di crisi matrimoniale. Con la perdita del lavoro, una crisi finanziaria o un investimento sbagliato, arrivano i guai. I ricercatori hanno notato che le coppie sposate “non coetanee”non reggono il colpo.

I coniugi rispondono agli shock negativi con un declino più accentuato della soddisfazione matrimoniale. Se non esistesse un divario tanto ampio all’anagrafe, potrebbero invece superarla insieme. Colpa della differente visione del futuro? Può essere. Chi ha una vita davanti spera nella chiusura della porta e nell’apertura del portone. Chi ha già vissuto la maggior parte dei suoi anni, potrebbe non rialzarsi dal colpo subito.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie AmoreTag