Pubblicato il

Lavare le mani: impariamo come e quando

Quando dovremmo lavarci le mani e come per tenere lontani germi e batteri?

lavare le mani
istockphotos

Di recente un’insegnante americana ha postato su Facebook un esperimento efficacissimo per insegnare ai suoi alunni l’importanza di lavare le mani. Dimostrando quanto velocemente ammuffisce una fetta di pane toccata da mani sporche, rispetto ad una toccata con mani appena lavate. Le nostre mani sono veicolo di germi, e, per quanto la maggior parte sia innocua, sapere dove si annidano e come lavarli via è un’informazione che può tornare utile (fonte).

Quando lavare le mani

Per esempio, generalmente ci laviamo le mani dopo essere state in una toilette pubblica. Ma a pensarci bene, è prima che dovremmo farlo: se veniamo a contatto con germi e poi con le parti intime rischiamo di trasmetterli. Ecco che bisognerebbe entrare, lavare le mani e poi andare alla toilette, evitando di toccare la maniglia della porta. Altra classica situazione in cui ci si lava le mani è al ristorante prima di mangiare. Magari appena arrivati, prima ancora di prendere posto. Errore: il menu è uno degli oggetti più sporchi tra quelli che si trovano nei luoghi pubblici. Se vogliamo fare attenzione all’igiene, dobbiamo prima maneggiare il menu, ordinare e poi andare a insaponarci le mani. Ma lo scettro di oggetto più sporco tra quelli che tocchiamo nell’arco della giornata va senza dubbio al telefono. Lo smartphone è un ricettacolo di germi: motivo in più per non utilizzarlo a tavola. Occorre considerare in linea di massima che più un oggetto viene toccato più è probabile che sia sporco. Come le maniglie delle porte per esempio. Le tastiere dei bancomat, i distributori automatici.

Come lavare le mani

Non preoccupatevi, in linea di massima non ci sono grossi pericoli nel toccare questi germi. Ma in alcune situazioni occorre qualche accortezza in più, per esempio se si lavora a contatto con i cibi, o con persone cagionevoli. Ecco che lavare le mani nel modo corretto diventa importante. Come? Insaponando per almeno 30 secondi, avendo cura di sfregare palmi, dorso delle mani, dita e spazi tra esse. Risciacquare le mani in 5 secondi non serve pressoché a nulla, salvo rimuovere sporco superficiale. Anche l’asciugatura è importante, e sarebbe sempre meglio farla con della carta assorbente usa e getta.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag