Pubblicato il

Sacchetti per la spesa: sono dannosi per la salute?

I consigli per le sacche riutilizzabili e i rischi da non sottovalutare

sacchetti per la spesa
iStock

Sacchetti per la spesa riutilizzabili: una scelta eco. Ma spesso poco salutare. È la FSA, agenzia inglese responsabile del controllo degli alimenti e della protezione della salute pubblica a lanciare l’allarme. Ecco i comportamenti più a rischio.

Sacchetti per la spesa: rischi di contaminazioni batteriche

Questi contenitori che gelosamente custodiamo nelle nostre auto o in casa, possono diffondere batteri mortali. Se i sacchetti per la spesa vengono utilizzati per trasportare cibi crudi come pesce, carne, uova o verdure “sfuse” con tracce di terra, il rischio è altissimo.

L’Agenzia per gli Standard Alimentari ha spiegato ai consumatori l’importanza di ricorrere a sacche separate per trasportare cibo crudo e altri prodotti per la casa non alimentari come detersivi o disinfettanti. Il “miscuglio” tra prodotti alimentari e non potrebbe causare una contaminazione incrociata dal crudo verso altri prodotti alimentari. Ma vale anche il contrario. I batteri presenti sulle confezioni di prodotti non alimentari possono raggiungere i freschi o i crudi, contaminandoli.

Un allarme che fa venire i brividi se solo si pensa alle innumerevoli volte in cui abbiamo riempito buste di spesa “a casaccio” in cassa.

I consigli

È importante buttare via i sacchetti della spesa sporchi anche se sono riutilizzabili. Discorso diverso per le borse in tessuto. In questo caso bisogna ricorrere alla pulizia con lavaggio disinfettante. Un altro metodo al quale ricorrere per evitare rischi per la salute, è quello di avere tanti sacchetti diversi da utilizzare per trasportare i diversi alimenti. Ma la prima attenzione deve essere rivolta alla separazione degli alimenti. I freschi separati dai crudi. E i crudi separati dai confezionati. Detersivi e disinfettanti andranno in una borsa a parte.

Piccoli accorgimenti che devono trasformarsi in sane abitudini. A finire sotto la lente d’ingrandimento della FSA sono stati proprio i sacchetti di plastica che vengono venduti e distribuiti nei supermercati, nello specifico quelli riciclati introdotti per legge. Uno sbagliato utilizzo potrebbe diffondere nei cibi salmonella, l’escherichia coli e il Campylobacter. Pensiamoci bene la prossima volta che ci troviamo al supermercato

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag