Pubblicato il

Vittoria Puccini, stile androgino per The Place

Un completo ispirato alla moda maschile

Vittoria Puccini
Vittoria Puccini in Emporio Armani

Vittoria Puccini sceglie uno stile androgino, essenziale, semplice per la prima di The Place. Il film di Paolo Genovese è campione di incassi al botteghino e quindi l’attrice è un po’ nell’occhio del ciclone. Così, quando si tratta di presentare il film al pubblico di spettatori, l’effetto è di grande sorpresa. Messi da parte bustini e top da nude look, la Puccini sceglie un outfit che si ispira pedissequamente alla moda maschile.

Vittoria Puccini e il look per The Place

Vittoria Puccini in Emporio Armani
Vittoria Puccini in Emporio Armani

I pantaloni sono lunghi e morbidi. Il tessuto scelto è il velluto, la stoffa protagonista di questa stagione. Anche la giacca è in pendant. Tutto il completo è firmato Emporio Armani. Ai piedi il sandalo aperto lascia vedere un po’ di pelle candida. Sotto il completo invece troneggia una camicia semplice bianca molto accollata. Come accessorio invece l’attrice sceglie di indossare un paio di orecchini circolari. I capelli sono lisciati e raccolti in una coda. Semplicità dunque e un look che si accende nel sorriso invece che nelle scollature. Del resto lo scatto che vediamo è molto in linea con il look usuale della Puccini.

Vittoria Puccini, un’attrice acqua e sapone

Vittoria Puccini
Vittoria Puccini

Da sempre, o almeno da quando ha cominciato a calcare le scene della televisione e del cinema, la Puccini si è dimostrata una ‘alba chiara’. Con poco trucco, poca voglia di spogliarsi, è diventata famosa per un’immagine molto fresca e acqua e sapone. Il make-up non l’ha mai particolarmente affascinata e agli ombretti e al fondotinta preferisce la semplicità di una pelle al naturale. Anche lo stile dell’abbigliamento riflette il ‘less is more’. Poche scollature, poche gonne, ma spesso abiti comodi magari maschili.

Vittoria Puccini in geometrie e righe

Vittoria Puccini ama anche le righe e le geometrie. Come in questo scatto dove il tailleur classico si scompone in mille geometrie. La gonna è di media lunghezza con bottoni grandi e retrò. La maglietta invece vive di geometrie e di volumi asimmetrici. Canonica sì ma non troppo.

 

 

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Moda, PeopleTag

Articoli correlati