Pubblicato il

Cosa non fare per combattere le temperature fredde

Bevande calde e piumoni pesanti, docce bollenti o piatti ipercalorici: ecco alcuni luoghi comuni sbagliati…

fredde temperature
iStock

Sciarpe e maglioni, guanti e borse dell’acqua calda: arriva l’inverno, ma non la voglia di combatterlo. Nonostante le fredde temperature facciano la felicità di tanti, affrontarle non è sempre facile. E quando si abbassa la colonnina di mercurio, affiorano le classiche abitudini. Che, però, spesso sono sbagliate. Vediamo quali. E perché.

Bere qualcosa di caldo è un bene?
No. E’ un errore. Per fronteggiare le temperature che scendono, immergere le labbra in una cioccolata calda non aiuta. Si tratta di un breve refrigerio. E non dura sufficientemente. Anzi, Thomas Kassab, dottore in farmacia, sostiene che la temperatura del corpo deve risultare costante. Il caldo e il freddo devono essere mantenuti in un giusto equilibrio. E, aggiunge ancora, assorbendo una bevanda bollente, il corpo suda, ma dopo si raffredda. E allora? Cosa si deve raccomandare? Meglio qualcosa di tiepido.

E i bagni caldi?
Certamente, tutti, dopo una pesante giornata di lavoro, amano tuffarsi in un bagno di vapore. E, magari, rimanerci per un’ora. Una vera delusione. Perché vale lo stesso discorso di prima. Thomas spiega, ancora, che il corpo si scalda al momento, ma si raffredderà all’uscita. Inutili, oltre a meno attraenti, risultano anche le docce troppo fredde. Da evitare. Per concludere, è necessario puntare sempre ad una temperatura media. Anche qui.

Contro le temperature fredde è meglio mangiare un po’ più grasso?

In tanti credono che, in inverno, i piatti ipercalorici apportino più calore al corpo. Eppure è sbagliato, “a meno che tu – scherza il farmacista- non sia un orso polare”. D’altronde il grasso non solo rallenta, ma interrompe la digestione. Poi aggiunge: “Per aumentare la temperatura del corpo, è essenziale migliorare la circolazione del sangue. Così da portare calore alle estremità. Scegli le spezie, come lo zenzero, un afrodisiaco che scalda le tue notti allo stesso tempo. Ottimi anche pan di zenzero e aglio”.

Un alcolico fa bene o no?
In pieno inverno, il tradizionale bicchiere di vin brulè permette di sentire più caldo? Sfortunatamente no. Thomas Kassab chiarisce: “Alcuni tipi di alcol dilatano i vasi sanguigni, permettendo al freddo di penetrare più facilmente. Inoltre, l’alcol è contenuto per spostare il calore del corpo interno alla superficie, provocando il fenomeno delle guance rosse”. E appena la dilatazione sarà completa, subentrerà, immediatamente, una sensazione di freddo. Indiscutibilmente più intensa.

Meglio un abbigliamento molto caldo?
Thomas Kassab consiglia di vestirsi a strati. “Questo crea spazi d’aria, che protegge il corpo dall’ingresso del freddo. Consiglio almeno tre strati”. Circa i tessuti, è bene sapere che il cotone è il migliore amico della pelle. Permette di respirare senza sudare, a differenza dei materiali sintetici. Gli altri strati, quali lana, velluto o cashmere, permetteranno di trascorrere un inverno molto morbido e caldo.

Per dormire è bene aumentare le temperature della casa mediante riscaldamento?

Il riscaldamento non è proprio l’amico del sonno. Allorché si aumenta la potenza, si corre il rischio di svegliarsi più volte nel cuore della notte. Per non parlare poi dello shock termico che si verifica uscendo dalla stanza al risveglio. “Per dormire bene, la stanza non dovrebbe superare i 19 gradi”, proclama Thomas Kassab. E conclude che per combattere il freddo, è consigliabile moltiplicare le copertine sottili. Al posto del piumone pesante.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag