Pubblicato il

Clorella, un concentrato di salute dal mare

Un’alga ricchissima di clorofilla e dai numerosi risvolti benefici

clorella
istockphotos

Le alghe hanno un enorme potenziale benefico per l’organismo. Ma se un tempo era al massimo la spirulina ad essere presa in considerazione, oggi c’è un’ampia letteratura scientifica che suggerisce come altre sue simili siano altrettanto efficaci. A volte persino di più. E’ il caso della clorella, un’alga il cui nome botanico è Chlorella Vulgaris, ricchissima di nutrienti e naturale antiossidante. Conosciamola.

Clorella, amica della salute

Si tratta di un’alga verde, e fa parte del gruppo delle cloroficee, ovvero particolarmente ricche di clorofilla. Questa sostanza, il pigmento che colora le piante di verde, è un potente antiossidante, e un ottimo alleato contro l’anemia. Unita agli altri principi nutritivi della clorella, crea una risma di benefici davvero unica. Quest’alga è infatti ricca di proteine, glucidi e lipidi, vanta la presenza di quasi tutti i gruppi vitaminci, con particolare concentrazione di A e C. Da non sottovalutare gli amminoacidi essenziali e la clorellina, sostanza che svolge un’attività antibiotica. Il tutto si traduce in un eccellente potere antiossidante, capace di contrastare l’invecchiamento cellulare e i radicali liberi. Inoltre è riconosciuta come un ricostituente ed energizzante, ottimo per rafforzare in modo naturale il sistema immunitario. Ancora, la clorella ha un alto potere depurativo, in particolare aiuta l’organismo ad espellere i metalli pesanti e i pesticidi. Oltre che le più comuni tossine che aiuta ad eliminare da sangue, fegato, intestino.

Ci sono tuttavia delle controindicazioni. Per esempio, se la si assume per lunghi periodi, può ridurre la capacità di assorbimento del ferro. Inoltre, chi assume regolarmente farmaci anticoagulanti dovrebbe sentire il parere del proprio medico prima di prenderla. La clorella si acquista come integratore in polvere da sciogliere nell’acqua, oppure sotto forma di pasticche, o capsule. Tuttavia risulta digeribile solo se le sue pareti cellulari sono state distrutte: verificate che il prodotto sia preparato tenendone conto.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag