Pubblicato il

Follie in tavola: gli esempi vip da non seguire

Secondo la British Dietetic Association sarebbero cinque i pericolosi regimi alimentari, tanto cari allo star system, assolutamente da evitare

Follie alimentari star
Courtesy of©instagram.com

Le feste, sicuramente, mettono a dura prova la propria linea. Tra pranzi e cene con amici e parenti è difficile, se non impossibile, seguire un’alimentazione equilibrata. Dolci di ogni tipo sono una tentazione che, per una volta l’anno, è lecito concedersi. Passato il Capodanno però, tutti intendono correre ai ripari. E’ giunto il momento della resa dei conti ergo, se si è affondata troppo la forchetta, tocca rimediare. Anno nuovo dieta nuova. Ma attenzione a cosa finisce nel piatto. Se si prendono a modello le follie delle star, che seguono regimi alimentari bizzarri, si rischia solo di farsi del male.

Follie delle star: i piani alimentari da evitare

La British Dietetic Association ha pubblicato una lista che mette in guardia su quei regimi alimentari cari a molte celebrità (pronte a fare follie pur di dimagrire) che, in realtà, dovrebbero essere evitati. Non sono sani. Seguire i loro esempi, pensando di fare scelte salutistiche, è sbagliato.

La dieta crudista vegana

Questa dieta, cara a celebrities come Gwyneth Paltrow, Megan Fox e Sting, prevede il consumo di frutta e verdure in grandi quantità. Vanno però mangiate esclusivamente crude. Cosa ne pensa il Bda? Una dieta vegana deve essere studiata a tavolino inserendo, quando necessario, gli integratori per sopperire alla carenza di alcune vitamine. Attenzione a seguire questa dieta. Mangiare sano non garantisce la perdita di peso. Le torte, gli sciroppi etc., anche se vegani, contengono comunque zucchero. Non solo. Molti alimenti, anche se non di origine animale, possono contenere le stesse calorie dei cibi tradizionali.

La dieta alcalina

Questa dieta privilegia l’assunzione di “alimenti alcalini” come verdure, frutta fresca, succhi di frutta, noci e legumi limitando invece gli “alimenti acidi” come cereali, carni e formaggi. L’obiettivo? Mantenere in salute l’organismo. Il razionale di tale regime alimentare sarebbe quello di ridurre la concentrazione di acidi nel sangue e nel corpo attraverso la scelta di determinati alimenti. Seguaci illustri di questa dieta sono Tom Brady, Kate Hudson e la Duchessa di York. Cosa sostengono a riguardo gli esperti della Bda? Incoraggiare le persone a mangiare più verdure fresche è una buona cosa. Alcuni cibi possono influenzare il Ph delle urine ma non quello del sangue che deve rimanere costante in un certo intervallo compreso tra 7,35-7,45.

La dieta chetogenica

Kim Kardashian, Halle Berry, Mick Jagger, Rihanna, Alec Baldwin e tanti  altri sono dei grandi sostenitori di questo regime alimentare che porta ad assumere un alto apporto di proteine. Il tutto riducendo i carboidrati a circa 20 a 50 grammi al giorno. Secondo la Bda, questa dieta riduce le calorie totali assunte e rimuove gli alimenti che le persone tendono a mangiare troppo. Non sono però esclusi gli effetti collaterali che possono includere un calo dell’energia e delle prestazioni fisiche, aumento dell’appetito, problemi del sonno, nausea e disturbi digestivi. Cosa pensano gli esperti? Può essere un metodo efficace per dimagrire nel breve periodo con un’attenta pianificazione. E’ però difficile da portare avanti a lungo termine.

La dieta pioppi

Il nome di questo regime alimentare rimanda a una famosa località del Cilento in cui, presumibilmente, nacque la dieta mediterranea che è il regime alimentare più sano e accreditato a livello mondiale. La variante “Pioppi” però, si differenzia dall’originale perché è una dieta a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi. Ciò porta a mangiare molte verdure, noci, legumi e pesce. Si evitano invece la carne rossa, i carboidrati amidacei (pasta, pizza) e i dolci. A seguirla sono personalità come Keith Vaz e Andy Burnham. La Bda non ha dubbi, la dieta mediterranea è una scelta salutare ma non quando viene storpiata in questo modo incoraggiando le persone a delle follie come il digiunare per 24 ore, ogni settimana.

La dieta dei pasti sostitutivi

Katie Price è una delle sostenitrici di questa dieta che incoraggia l’utilizzo di integratori e pasti sostitutivi al posto di colazione, pranzo e cena. Secondo la Bda la promessa di perdere rapidamente peso può essere allettante ma non è una strada sana da seguire per dimagrire. Il termine stesso, d’altronde, parla chiaro: gli integratori dovrebbero essere utili per integrare un’alimentazione là dove c’è una carenza.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag