Pubblicato il

Il packaging vincente? Quello ecologico

I consumatori preferiscono brand che adottano pratiche sostenibili, a partire dalla confezione

il packaging
istockphotos

E’ vivo più che mai il dibattito sugli imballaggi, dato il varo del decreto legge che impone l’uso di sacchetti compostabili per gli alimenti freschi. Un tema caldo, che porta in primo piano una delle tematiche più sentite per chi lotta contro l’inquinamento: il packaging dei prodotti. Una questione che le imprese di ogni settore sono chiamate a tenere sempre più in considerazione. Lo consiglia Laura Barreiro, Sustainability and Stakeholders Engagement Manager di ‎Asia Pulp & Paper Group (APP). Soprattutto perché, come riporta una ricerca condotta da Nielsen, il consumatore è sempre più attento al tema della sostenibilità. E si affida più volentieri ai brand che ne abbracciano le pratiche, a cominciare dalla confezione.

Il packaging come ago della bilancia

I brand devono tenere in conto la sempre più alta soglia di attenzione dei consumatori verso le tematiche ambientali. Evidente è, secondo gli studi, la crescita dei brand che adottano pratiche sostenibili e trasparenti. Il packaging non si esime da questo scenario. Anzi, diventa una sorta di vetrina, di dichiarazione d’intenti del marchio. Rafforzando l’esperienza di consumo. Secondo lo studio dell’istituito di ricerca, il 66% dei consumatori è disposto a pagare di più per prodotti sostenibili.

Il 51% dei Millennials, i grandi consumatori di oggi, controlla l’imballaggio per cercare messaggi relativi alla sostenibilità del prodotto e della sua confezione. Importante è per esempio la presenza di loghi riconoscibili che attestino certificazioni ecologiche, uso di materiali riciclati o riciclabili. Ma anche quando acquista attraverso l’e-commerce il consumatore di oggi predilige aziende che si adoperano per imballare il meno possibile il prodotto. Questo vale anche per le consegne di cibo a domicilio, più apprezzate quando avvengono utilizzando packaging compostabili o riciclabili. Secondo Laura Barreiro i marchi devono tenere in considerazione queste tendenze e sfruttarle a loro favore. Facendo allo stesso tempo un favore all’ambiente.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo liberoTag