Pubblicato il

Detergenti casalinghi, inquinano quanto le auto

Una ricerca sottolinea che l’inquinamento da detersivi, vernici e solventi comuni non va affatto sottovaluto

detergenti casalinghi
istockphotos

Si chiamano Composti Organici Volatili – COV – e si trovano letteralmente in tutte le case, uffici, ambienti chiusi. E fanno male, alle persone e all’ambiente. Una ricerca pubblicata su Science riscontra che la loro pericolosità è equivalente a quella dello smog causato dalle automobili. Per la precisione, sono arrivati ad essere così diffusi che la loro incidenza sull’ambiente ‘rivaleggia’ con fonti di inquinamento ben più note. Ma di cosa si tratta precisamente? I COV sono composti chimici che hanno la caratteristica di essere estremamente volatili, diffondendosi quindi nell’aria. Si trovano sotto varie forme, ma in generale li possiamo identificare nei comuni detergenti casalinghi, nei detersivi, nei prodotti per l’igiene della casa, nelle pitture e nelle vernici.

Attenzione ai detergenti casalinghi

Tra i più noti, il benzene, il cloruro di metilene, i clorofluorocarburi, la formaldeide. Nella maggior parte dei casi, derivanti dal petrolio. E’ da tempo che si conoscono i COV contenuti nei detergenti casalinghi e moltissimi altri prodotti di uso quotidiano. Ma lo studio, che ha coinvolto numerosi esperti di istituti di ricerca e universitari statunitensi, ha per la prima volta evidenziato che la loro presenza, oggigiorno, è assai più massiccia di quanto immaginiamo. Al punto da essere considerata a tutti gli effetti una tipologia di inquinamento importante tanto quanto il gas di scarico delle automobili.

La loro concentrazione nell’aria è altissima. Tanto da sfiorare un rapporto di 50 – 50. Anche perché, c’è da considerare che l’industria automobilistica ha fatto diversi passi rispetto a 20-30 anni fa per abbassare i livelli di inquinamento. Mentre tutto ciò che contiene COV si è esponenzialmente diffuso. E un dato sorprendente è che proprio l’aria di casa può essere più dannosa di quella all’esterno, anche in città.

Come limitare la presenza di COV nella propria abitazione?

Evitare del tutto i COV può essere molto difficile, ma minimizzarne la presenza in casa si può. Utilizzanod vernici e pitture atossiche, naturali. Scegliendo detersivi ecologici per le pulizie, o, ancora meglio, riscoprendo alcuni metodi ‘tradizionali’, efficaci e assolutamente atossici. Limitando la presenza di materiali derivati dal petrolio e prediligendo materiali naturali. Sfruttando il potere delle piante di neutralizzarli. Potete consultare il dossier del Ministero della Salute relativo ai COV.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag