Pubblicato il

Unconventional sneakers, alla ricerca di libertà

Il lato unconventional delle sneaker. Vibram parte in viaggio alla scoperta dell’Oriente, mentre Nike va a caccia di libertà

unconventional
courtesy of Vibam

Per coloro che si sentono unconventional, fuori da schemi tradizionali e convenzionali, le sneaker possono diventare un segno di distinzione. E individuare marchio e modello adatto a sostenere il proprio desiderio di cercare cose nuove è un esercizio divertente e coinvolgente. Vibram e Nike, ciascuno a proprio modo, introducono elementi di innovazione e caratterizzazione in grado di fare la differenza. Con modelli ispirati alla filosofia orientale e alla ricerca della libertà.

Unconventional per scelta

Da sempre provider di suole in gomma per molti produttori di sneaker, Vibram è sempre più protagonista anche attraverso proprie collezioni. Il tema scelto per la primavera estate è quello dell’antica arte giapponese del furoshiki, tecnica utilizzata per avvolgere e trasportare gli oggetti. Nasce così Vibram Furoshiki the Wrapping Sole, pensata per muoversi. Che si tratti della città o di un viaggio in estremo oriente. La suola in mescola Vibram® XS City avvolge il piede attraverso le estensioni in tessuto Sensitive by Eurojersey, che risalgono sulla tomaia e garantiscono comfort, traspirabilità e flessibilità. Il mondo cosmopolita di Vibram si caratterizza con 8 versioni. 5 unisex e 3 declinate esclusivamente al femminile. Si va dal simbolismo cosmico del modello Persian, all’ispirazione tessile del Shiboru. Dall’alfabeto arabo della Desert Script alle dinastie cinesi del China Jeans.

unconventional
Le nuove Nike Free TR in Flyknit: ispirate alla libertà

La libertà di muoversi è il concept che caratterizza la nuova Nike Free TR, dedicata al pubblico femminile. Una sneaker che massimizza il comfort durante la camminata o il workout. Secondo i designer statunitensi il punto di appoggio del piede va supportato in base al tipo di esercizio. Che si tratti di sessioni di salti, affondi o sprint, il piede esercita una pressione differente nel momento in cui l’arco di piega e le dita si distendono. Per questo motivo Nike ha sviluppato una suola composta, diversificata nelle zone del tallone e anteriore. Nella prima viene utilizzata una maggiore quantità di gomma. Meno nella seconda, dove invece la suola deve avere maggiore flessibilità. Il risultato di questa combinazione è una grande stabilità e una netta diminuzione dello scivolamento del piede in avanti. La sensazione di libertà è aumentata anche dalla tomaia in Primeknit, leggera e molto flessibile.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ModaTag