Pubblicato il

Forno pulito e profumato in poche mosse

Metodi semplici ed efficaci per tenere pulito il forno, eliminare i cattivi odori e rimetterlo a nuovo senza danneggiarlo

Forno
djedzura-istock

Dall’antipasto al dolce. Con un forno si può cucinare un pasto completo in maniera sana e gustosa. E’ inevitabile, però, che durante la cottura si possano formare fastidiose macchie sul vetro dello sportello. Grasso, unto e residui di cibo si depositano sul vetro. Ed in tutto il forno si diffondono cattivi odori, specialmente dopo aver cotto alimenti come il pesce o le uova. A volte capita persino che la sporcizia riesca a raggiungere l’intercapedine tra il vetro esterno ed il vetro interno rendendone più difficile la rimozione. Per risolvere il problema e mantenere il forno sempre scintillante e libero dai cattivi odori basta dedicarsi periodicamente alla sua pulizia. Nel caso di dubbi sul modo corretto di procedere, ci si può rivolgere al web che fornisce preziosi consigli su come ottenere ottimi risultati senza rovinare l’elettrodomestico.

Mantenere il forno come nuovo. I trucchi dal web

Il vetro del forno è un ricettacolo di sporcizia. Ma per tenerlo pulito bisogna cercare di limitare quanto più possibile l’utilizzo di detergenti chimici. Per la verità se ne possono trovare alcuni che funzionano molto bene. Ce ne sono alcuni specifici per il vetro, ed altri appositamente studiati per gli interni del forno. Nel caso di sporco persistente possono rivelarsi certamente utili. Purchè non si abbondi con le quantità. Per le pulizie “ordinarie”, invece, si può semplicemente ricorrere a prodotti naturali. Di quelli che si possono trovare facilmente nella propria cucina. Prodotti come acqua, bicarbonato, limone ed aceto. Il limone e l’aceto sono perfetti per eliminare i cattivi odori. Mentre con l’acqua ed il bicarbonato si potrà rimuovere con facilità anche lo sporco ostinato.

Forno

Basterà realizzare un detergente da applicare sul vetro e da lasciare agire per almeno 15 minuti. Si potrà preparare un una soluzione cremosa a base di acqua e bicarbonato di sodio. Oppure si potrà ottenere un comodo detergente liquido con acqua, bicarbonato di sodio e aceto bianco da spruzzare direttamente sulla superficie da trattare. In caso di incrostazioni persistenti si potrà procedere alla pulizia con il forno ancora leggermente caldo. In questo modo i residui si scioglieranno più facilmente. Dopo un accurato risciacquo l’elettrodomestico tornerà come nuovo. Nel caso, infine, di sporcizia depositata nell’intercapedine tra i due vetri, si dovrà necessariamente rimuovere il vetro interno per procedere alla pulizia. Alcune marche adottano un fissaggio con viti. Altre, invece, ricorrono ad un sistema ad incastro. In entrambi i casi si potrà asportare la lastra di vetro con una certa facilità. L’importante è riposizionarla accuratamente facendo attenzione al verso.

 

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag

Articoli correlati