Pubblicato il

Ricetta tradizionale della zuppa di funghi porcini

Dalla Valle del Serchio una ricetta infallibile per gustare tutto il sapore della tradizione e della natura…

funghi porcini
Il Ciocco

L’INGREDIENTE DELLA ZUPPA DEI FUNGHI PORCINI – I funghi sono considerati una buona fonte di sali minerali. Come potassio, fosforo, rame e selenio. Generalmente in una porzione da 100 gr di funghi freschi sono presenti 4,5 gr di carboidrati, 3,5 gr di proteine e 0,3 gr di grassi. E poi vitamine del gruppo B e sostanze antiossidanti.

Queste ultime aiutano per la prevenzione di patologie tumorali e di malattie legate all’invecchiamento. Sono state inoltre confermate la loro capacità di combattere le malattie cardiovascolari e gli accumuli di colesterolo nelle arterie.

LA RICETTA Zuppa di funghi porcini

LA DIFFICOLTA’ media

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE – 800 gr di funghi porcini freschi, 1/2 bicchiere di olio extra vergine di oliva, 2 spicchi d’aglio, brodo quanto basta. Prezzemolo tritato, 100 gr di burro, 50 gr di farina bianca, un bicchiere di vino bianco. Crostini, sale e pepe.

TEMPI DI PREPARAZIONE – 40 minuti

LO SVOLGIMENTO – Iniziare a preparare i funghi pulendoli per bene con un panno umido. Si consiglia di non lavarli sotto l’acqua corrente perché, vista la consistenza spugnosa dei vegetali, l’acqua verrebbe assorbita tutta. Tagliare i funghi e il loro gambo a pezzi non troppo sottili e metterli da parte. In una padella far soffriggere i due spicchi d’aglio con l’olio di oliva.

Quando l’aglio raggiungerà un colore dorato aggiungere i funghi precedentemente tagliati. Arrivati a metà cottura sfumare tutto con il vino e, successivamente, aggiungere il prezzemolo tritato. Terminata la cottura, dividere i funghi a metà. Lasciarne una parte interi e frullare il resto sino a creare una crema non troppo liquida (si può usare un frullatore ad immersione per ottenere la giusta consistenza).

In un pentolino lasciare sciogliere il burro e aggiungere la farina. Mescolare il tutto dal basso verso l’alto con un cucchiaio di legno, per evitare che si attacchi. Quando il composto risulta abbastanza solido, è possibile aggiungere i funghi, sia la parte tritata che quelli interi. Mescolare per bene aggiungendo un po’ di brodo. Fare cuocere per circa 8 minuti. Se la zuppa sembra molto densa aggiungere altro brodo. Finito il tempo di cottura, aggiungere un pizzico di pepe e lasciare riposare un po’ prima di servire.

Valle del Serchio e Garfagnana, terra di gusto e di tradizione

LA ZONA – La Garfagnana e la Valle del Serchio sono famose per l’ampia varietà di funghi che nascono spontaneamente nei boschi che ricoprono le valli. Dai castagneti alle faggete, dalle pinete alle abetaie, ogni luogo è buono per raccogliere questi prelibati frutti del sottobosco. Anche il Parco del Ciocco è zona di funghi.

In questo territorio si trova Il Ciocco Tenuta e Parco (www.ciocco.it), nato nel 1961 con l’obiettivo di far rivivere la montagna e le sue tradizioni, la natura con i suoi animali, lo sport e il relax, lontano dal “logorio della vita moderna”. Nel 1967 diventa il primo polo turistico alberghiero d’Italia immerso in 600 ettari di parco naturale (che va dai 280 ai 1.100 metri di altitudine) con servizi e formule che rivoluzionano il mercato delle vacanze offrendo svago, sport e benessere in un’unica soluzione.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag