Pubblicato il

Tutti i segreti del Gin Tonic

Non basta unire tonica e gin: ecco tutto quello che c’è da sapere sul cocktail nato, per caso, nell’Ottocento

Gin tonic
iStock

Quanta storia dietro questo cocktail, così semplice eppure famosissimo. Parliamo del gin tonic, quello straordinario mix di gin e acqua tonica. La leggenda narra che la miscela fu creata dai coloni britannici nel 1800 quando si era soliti unire acqua e chinino in dosi elevate come trattamento della malaria.

Origini antiche per un boom che risale ad appena 30 anni fa. E’ durante negli anni Ottanta e Novanta, infatti, che spopola, soprattutto tra i locali parigini. Per poi diffondersi a macchia d’olio ovunque. Tante le varianti a disposizione, che aggiungono ingredienti alla ricetta base. Di cui questa è la composizione. Un terzo di Gin, due terzi di acqua tonica. E poi cubetti di ghiaccio e una fettina di lime. Semplice, vero? Ma neanche tanto.

Gin tonic: il cocktail dagli ingredienti semplici, ma dalle proporzioni ignorate

Il problema è che il gin può essere pessimo, la tonica troppo dolce e il ghiaccio non in proporzione. Cerca quindi di utilizzare prodotti di fascia alta, per essere sicuri di fare un figurone. Il ghiaccio, inoltre, non deve superare mai i due terzi del bicchiere. E deve superarne la metà.

Approfondiamo la questione gin. Questo è essenzialmente una vodka aromatizzata con erbe e prodotti botanici, spesso bacche di ginepro. Ma ne esistono di tanti tipi e di tante marche. C’è chi consiglia il Prairie Organic Spirits, ma costa un po’. In alternativa c’è il Beefeater Gin, ben più economico. Ma occhio a non scendere troppo con il prezzo, perché ne risentirà anche la qualità.

Anche la presentazione è importante. Di norma si consiglia il bicchiere tumbler, ma c’è anche chi preferisce il ballon. Quest’ultimo, però, deve essere diverso dalla sua variante da vino. Da accompagnare a una cannuccia corta, meglio se nera. Se volete una variante al limone, ecco qualche idea. Se è da accompagnare al pesce, meglio limone e pepe, mentre per gli arrosti c’è chi consiglia ginepro, frutti di bosco, rosmarino e liquirizia.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag