Pubblicato il

Capelli grigi, la causa potrebbe essere lo stress

Un forte shock o una malattia potrebbero portare alla perdita di pigmentazione dei capelli: lo svela uno studio pubblicato sul PLOS Biology

capelli grigi
Courtesy of©itman__47/iStock

Il confronto con lo specchio, a volte, può svelare amare verità. A preoccupare non è solo qualche chilo di troppo. Nella lista dei nemici ci sono anche loro, i capelli grigi. La loro comparsa può avvenire in ogni fase della propria vita, a prescindere dall’età.

Capelli grigi: le cause

Quali sono le cause che possono portare alla perdita di pigmentazione? Il Daily Mail ha riportato uno studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Alabama secondo i quali, quando il corpo subisce un forte stress, ad esempio a causa di una malattia grave, il sistema immunitario attiva una risposta di difesa. In questo modo innesca dei cambiamenti nelle cellule dei follicoli piliferi che contengono la melanina. Parliamo del pigmento prodotto da cellule note come melanociti.

I ricercatori dell’Università dell’Alabama di Birmingham, analizzando le cellule staminali dei melanociti, hanno scoperto il legame tra i geni che controllano il colore dei capelli e quelli che, invece, segnalano al nostro corpo che è il momento di combattere un’infezione.

La ricerca

La ricerca, condotta sui topi e pubblicata sul PLOS Biology, ha constatato che quando il corpo è sotto attacco, le cellule producono proteine chiamate interferoni. Il loro compito è quello di potenziare la difesa dell’organismo ostacolando la riproduzione e la diffusione di virus o batteri. Hanno però un effetto collaterale inaspettato: vanno a bloccare l’attività delle cellule che producono il colore dei capelli. Ecco allora che, producendo meno pigmento, i capelli diventano grigi.

William Pavan, coautore dello studio e ricercatore presso il National Institute in Health, ha dichiarato: “Questa nuova scoperta suggerisce che i geni che controllano la pigmentazione dei capelli e della pelle sono in grado anche di controllare il sistema immunitario innato”. Questi risultati potrebbero inoltre aiutare a studiare malattie cutanee come la vitiligine, patologia che colpisce tra lo 0,5% e l’1% della popolazione umana. Cosa comporta? La perdita del colore della pelle in alcune parti del corpo.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag