Pubblicato il

Gucci Wooster, creatività e innovazione a NY

Più di un monomarca, diverso da un museo. Uno spazio dallo spirito eclettico firmato Gucci

Gucci Wooster

Il quartiere è SoHo, la città New York, la firma Gucci. Difficile che questi tre elementi assieme non gridino già creatività e innovazione solo a nominarli. Al civico 63 di Wooster Street è nato il 6 maggio un nuovo hub creato dalla maison, Gucci Wooster. Più di un monomarca, non un semplice spazio espositivo, ma uno luogo eclettico, anticonformista, innovativo. Dopo il Gucci Garden di Firenze, la maison realizza un nuovo centro di creatività nella Grande Mela. Un luogo dove scoprire le ultime collezioni nonché le più recenti collaborazioni artistiche.

Alla scoperta di Gucci Wooster

Gucci Wooster è situato in uno spazio che un tempo ospitava una fabbrica di matite. Un edificio parte del patrimonio storico della città, occupante un intero isolato. Location eccezionale, un’area di quasi 1000 mq, il cui design è stato concepito in esclusiva per conservare l’integrità della struttura originale. Muri di mattoni a vista, pavimenti in legno, soffitti rivestiti di stagno e iconiche colonne portanti sottolineano la complessa architettura in ghisa che caratterizza l’intero quartiere di SoHo. Tre motivi differenti per i pavimenti, dipinti a mano da artigiani italiani, affiancano le originali piastrelle in acciaio testimoni del passato industriale dell’area. Colori forti – giallo e bordeaux – ‘guccificano’ gli interni, e i sedili sono rivestiti di stampe e tessuti della maison. Ovunque, carrelli porta-bagagli, mobili singoli con intarsi in pietra e arredi da farmacia vintage fungono da espositori. A sottolineare lo spirito industriale dell’edificio, infissi in ottone su misura.

I tocchi vintage si armonizzano con la tecnologia video, appositamente sviluppata per lo spazio. Su una parete interattiva a LED, ci saranno video display in 3D. Questi schermi permetteranno agli spettatori di entrare nell’universo Gucci in full immersion. Come dicevamo infatti, non si tratta di una semplice boutique. La clientela verrà infatti servita in modo innovativo, da un gruppo di ambasciatori del marchio, i ‘Gucci Connectors’. Saranno dei narratori, il cui scopo sarà coinvolgere i clienti. Oltre i display video, una accogliente sala di visione con spazio espositivo riservato accoglieranno iniziative artistiche diverse e stagionali.

Gucci Wooster è inoltre il primo spazio Gucci ad offrire il nuovo assortimento Gucci DIY, che comprende lettere dell’alfabeto in una gamma di tessuti e combinazioni cromatiche da apporre su articoli da viaggio unisex e sulle iconiche sneaker Ace. Inoltre, Gucci Wooster mostrerà in anteprima la nuova collezione Gucci-Dapper Dan, iconico sarto di Harlem.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ModaTag