Pubblicato il

Mangiare isolati rende infelici. Uno studio lo dimostra

Una recente ricerca dimostra che mangiare isolati dagli altri è una delle principali cause di infelicità ed insoddisfazione

Mangiare isolati
gruizza-istock

La solitudine è una delle principali cause di infelicità. L’affermazione, così formulata, non meraviglia nessuno. Tutti sanno che avere una vita piena di affetti è fonte di soddisfazione e di serenità. Ma un recente studio ha dimostrato che che non è soltanto l’isolamento sociale a generare infelicità. Ma semplicemente trascorrere del tempo da soli. Specialmente al momento dei pasti. Lo studio effettuato, infatti, dimostra che mangiare isolati rende infelici. E, purtroppo, sono in tanti quelli che consumano i pasti in solitudine. Un po’ per i ritmi di vita sempre più frenetici, un po’ per la tendenza sempre più diffusa ad isolarsi.

Pausa pranzo

Mangiare isolati è la seconda causa di infelicità

La ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati sul Daily Mail, dimostra che mangiare isolati è la principale causa di infelicità dopo la malattia mentale. Chi è solito consumare i pasti in solitudine rischia di provare di disagio più di chi ha problemi finanziari o disabilità fisiche. E la cosa ha del sorprendente se si pensa che circa un quarto delle persone adulte ha l’abitudine di non mangiare in compagnia. La ricerca, inoltre, dimostra che gli adulti tra i 35 e i 45 anni senza figli hanno più probabilità di ritrovarsi a trascorrere del tempo in solitudine. Chi, invece, ha una famiglia con dei bambini ha una socialità più spiccata. I pensionati, infine, difficilmente si trovano a mangiare da soli.

pausa pranzo
Pausa pranzo

Lo studio analizza la “scala del benessere”

Per giungere a queste conclusioni, gli studiosi hanno condotto un test su 8.000 individui. Ad ognuno è stato somministrato un questionario. In base alle risposte fornite sono stati misurati i livelli di autostima, soddisfazione, ansia e felicità realizzando una sorta di “scala del benessere” con valori da zero a cento. Ebbene, dall’analisi effettuata sembra che l’abitudine di mangiare da soli arrivi ad incidere di ben 8 punti sul livello complessivo di bennesere.  Ci sono altri fattori che contribuiscono a ridurre la sensazione di benessere. Tra i più rilevanti sono stati individuati anche la privazione del sonno ed una vita sessuale insoddisfacente.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag