Pubblicato il

Una corretta pulizia della Moka garantisce un buon caffè

Il caffè è un rito quotidiano imprescindibile per la stragrande maggioranza degli italiani e quello fatto con la Moka uno dei preferiti

Moka
istockphoto.com

IL CAFFE’ CON LA MOKA

C’è chi proprio non può farne a meno e non accetta paragoni: non esistono cialde, macchinette elettriche, miscele solubili o altre soluzioni, il vero caffè è quello fatto con la Moka. Al mattino si tratta spesso di un vero e proprio rituale. Il profumo che pervade la casa facendosi via via più intenso. Il gorgogliare della bevanda bollente che avvisa di essere pronta. Tutti piccoli richiami ad un dolce risveglio che annuncia una splendida giornata.

MANUTENZIONE DELLA MACCHINETTA

Un buon caffè per essere tale, tuttavia, fa fatto con sapienza e un minimo di cognizione. Ma, soprattutto, la Moka va tenuta in buone condizioni e pulita con cura. Bisogna rimuovere per bene il fondo del caffè, ma anche eliminare periodicamente il calcare dai filtri e dalle parti interne. Se tradizione vuole che la macchinetta non venga lavata spesso, ogni tanto però va fatta una pulizia accurata.

COME PULIRE LA MOKA

Detergenti acidi o troppo aggressivi potrebbero danneggiare la macchinetta in alluminio. Ma anche un semplice detersivo può compromettere l’aroma e la bontà del caffè. Il marchio leader produttore della Moka Express in Italia, Bialetti, consiglia di agire nel modo seguente. Dopo l’uso, lasciare raffreddare la macchinetta, quindi separare la parte superiore dalla base. Procedere poi al lavaggio con acqua tiepida e asciugare accuratamente.

È molto importante non rimontare la macchinetta fino a quando tutte le parti sono completamente asciutte. Ciò al fine di evitare l’ossidazione. Le macchine per espresso non devono inoltre essere messe in lavastoviglie.

COME FARE UN BUON CAFFE’

Vi forniamo, infine, qualche consiglio utile per fare un buon caffè. Se la caffettiera è nuova, è consigliabile fare un primo “caffè a vuoto”. Ovvero far salire anche solo un cucchiaino di polvere con l’acqua prima di procedere all’uso per il consumo. Se avete tempo e voglia potete ripetere l’operazione anche due o tre volte. Usare sempre acqua fredda e riempire il serbatoio non oltre il livello della valvola. Non appena il caffè gorgoglia, togliete la moka dal fuoco e lasciate uscire l’ultima parte del caffè a fuoco spento. Mescolare bene prima di versarlo nelle tazzine e bevete caldo.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag