Pubblicato il

Piscina in giardino, come scegliere quella giusta

piscina in giardino
©Pixabay

Per molti italiani l’arrivo dell’estate significa fare i conti con il proprio giardino. La calura estiva rende difficoltosa ogni giornata. Quale miglior soluzione di una piscina fuori terra nel proprio giardino per superare la stagione più calda dell’anno?  ManoMano.it, primo e-commerce dedicato alla vendita di prodotti per il fai da te e il giardinaggio, propone un vademecum. Ecco come scegliere e realizzare il miglior angolo di relax e divertimento fuori dal caos della città.

Piscina, primo step: spazi e tipologie

La prima cosa a cui pensare è lo spazio a disposizione. Una piscina deve essere in armonia con ciò che la circonderà: ogni singolo elemento può influenzarne il suo funzionamento. Alberi e arbusti, per esempio, potrebbero contaminare le acque con pollini e foglie, aumentando i costi e le operazioni di manutenzione. Altro elemento fondamentale da analizzare è il tipo di terreno su cui installare la piscina, eventuali dislivelli o radici potrebbero danneggiare il telo della piscina.

Poi bisogna pensare al tipo di piscina fuori terra: in commercio ci sono tre tipi, ossia autoportanti, frame e rigide. Le autoportanti sono le più economiche e veloci da montare, hanno un bordo gonfiabile che sorregge la struttura e costi di gestione piuttosto bassi. Le piscine “frame”sono sorrette da una struttura tubolare esterna che da maggior resistenza e consente un minor rischio di foratura. Le piscine rigide sono quelle che meglio possono integrarsi con il design del proprio giardino, ma una volta montate sarà difficile smontarla ogni volta che si vuole.

Il sistema di filtraggio

La pompa e il filtro mantengono l’acqua in costante movimento, garantendone ossigenazione e ricambio. Esistono due sistemi di filtraggio, quello a cartuccia e quello a sabbia. Nel primo caso, i filtri vanno sempre tenuti in ottimo stato e cambiati quando necessario. La pompa con filtro a sabbia necessita di un costante monitoraggio del livello della sabbia e per questioni di sicurezza va tenuta accesa solo quando non c’è nessuno in acqua.

La manutenzione

L’acqua della piscina deve essere sempre pulita, è necessario tenere sotto controllo due fattori importanti. Ossia, la carica microbica e il livello del pH. Il cloro uccide batteri, alghe e microrganismi nell’acqua, tuttavia il suo livello nell’acqua deve essere costantemente monitorato. Per farlo esistono vari kit in commercio in grado di pre-dissolverlo e rilasciarlo in giusta quantità. L’utilizzo di questi strumenti tuttavia non basta per avere una piscina pulita. Deve essere quotidianamente pulita da foglie e insetti e almeno una volta a settimana bisogna provvedere alla pulizia delle pareti esterni e del lavaggio di filtri e pre-filtri.

L’arredo

In estate, la piscina diventa il luogo in cui convogliano gran parte delle attività. Dai classici outdoor come le sedie a sdraio e gli ombrelloni, si può dar sfogo alla propria fantasia con divanetti o giochi da esterno per grandi e piccini. Anche la sera può diventare momento di svago in cui godersi il proprio giardino – e la propria piscina. Per completare l’area relax sarà sufficiente aggiungere un set da esterno con divano, poltrona e tavolino per abbandonarsi a momenti di relax e divertimento in compagnia.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag