Pubblicato il

Alzarsi presto aiuta a combattere la depressione

Le donne mattiniere, secondo gli scienziati americani, avrebbero un rischio inferiore di soffrire di disturbi dell’umore

donne mattiniere
Courtesy of©GeorgeRudy/iStock

Spesso si sente dire che il mattino ha l’oro in bocca. Quando suona la sveglia, in realtà, non sono in molti a vedere tutto così positivamente. Anzi. Il buonumore potrebbe tardare a svegliarsi. Non essere dei dormiglioni però ha dei vantaggi. Stando a quanto si legge sul Daily Mail, infatti, le donne mattiniere, essendo più esposte alla luce solare, avrebbero un rischio inferiore di sviluppare la depressione.

Donne mattiniere, alzarsi presto riduce il rischio di depressione

Ad affermarlo sono stati i ricercatori dell’Università del Colorado Boulder e del Brigham and Women’s Hospital di Boston. Gli esperti hanno tenuto conto dell’orario in cui le persone preferiscono dormire e svegliarsi e analizzato le relazioni tra i disturbi dell’umore e il cronotipo. Hanno condotto il loro studio, pubblicato sul Journal of Psychiatric Research, su un campione di 32.000 donne (età media 55 anni) a cui è stato chiesto di compilare dei questionari circa il loro stato di salute. Il tutto ogni due anni. Cosa è emerso? All’inizio dello studio nessuna delle partecipanti soffriva di depressione. Circa il 37% di esse si alzava presto la mattina, il 10% tardi mentre, il 53%, a un orario intermedio.

Il cronotipo nottambulo rischia di soffrire di disturbi dell’umore

Sono stati considerati anche i fattori di rischio quali il peso corporeo, lattività fisica, le malattie croniche, la durata del sonno e il lavoro notturno. A quanto pare i soggetti più mattinieri avevano un rischio inferiore del 12-27% di essere depressi rispetto ai soggetti della fascia intermedia. Le più nottambule, invece, avrebbero il 6% in più di probabilità di soffrire di disturbi dellumore rispetto alle donne del cronotipo intermedio. Infatti, alla fine dello studio, gli esperti hanno riscontrato oltre 2.500 casi di depressione. Di essi 290 proprio nella categoria dei nottambuli. Non solo. La ricerca ha anche rilevato che le persone appartenenti a questo gruppo avrebbero più probabilità di vivere da soli, essere dei fumatori e avere abitudini di sonno irregolari. Tutti fattori che, in realtà, potrebbero aumentare il rischio di depressione.

Il parere dell esperta

Il cronotipo potrebbe influire sul rischio di depressione indipendentemente da fattori ambientali e dallo stile di vita”- ha detto Céline Vetter, principale autore dello studio nonché direttore del Circadian and Sleep Epidemiology Laboratory.

A quanto pare però i dormiglioni non sarebbero spacciati. Tutti possono diventare delle persone mattiniere. Come fare? “Bisogna cercare di dormire a sufficienza, fare attività fisica e passare del tempo all’aria aperta. Ma anche oscurare le luci di notte ed esporsi il più possibile alla luce durante il giorno” – rivela la Vetter.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag