Pubblicato il

Acquistare online, ormai si paga tutto con lo smartphone

acquistare online
iStock

Guardiamo le serie tv, il meteo, leggiamo notizie, giochiamo. Lo smartphone (e il table) ha sostituito la tv ed è sempre nelle nostre mani. Lo usiamo anche per acquistare online. Lo sottolineano i dati della ricerca dell’Osservatorio QVC Italia, il retailer multimediale dello shopping e dell’intrattenimento. Emerge che l’indice di multicanalità è aumentato del 14% rispetto all’anno passato, passando da 1,4 a 1,6 canali.

Acquistare online, l’utilizzo di più schermi

Si nota che sempre più spesso gli utenti utilizzano più schermi insieme per informarsi, intrattenersi e fare acquisti. L’Osservatorio QVC ha coinvolto un campione di 2.109 individui maggiorenni che hanno confidenza con la rete.

Lo studio fotografa i comportamenti di acquisto a distanza che vengono effettuati dagli italiani utilizzando device multipli. Ossia pc, tablet, app, TV e telefono, rilevando l’indice della multicanalità degli utenti, i prodotti più acquistati, i device più popolari.

Condotto in collaborazione con Human Highway, lo studio evidenzia che l’intrattenimento e l’esperienza di shopping si completano e si implementano nell’integrazione multi-screen. E non ci sono troppe differenze tra donne e uomini: l’1,7% è composto da uomini contro l’1,4% da donne. Negli ultimi tre mesi gli acquirenti a distanza hanno, in media, effettuato acquisti su 1,6 canali diversi (1,4 nel 2017). I consumatori italiani che usano almeno due canali diversi per fare shopping a distanza sono passati da 7 a 9,7 milioni e la spesa trimestrale per gli acquisti multicanale è aumentata 82€ rispetto all’anno scorso, passando da 215€ a 297€. Più si diffonde l’uso di diversi device nello shopping e più cresce la spesa media trimestrale dedicata agli acquisti a distanza.

Acquistare online, la crescita rispetto al 2017

Rispetto al 2017 il fenomeno della multicanalità è diventato più giovane e urbano. Gli under 34 anni sono ora la fascia di popolazione più multicanale. Il canale più utilizzato è il web, seguito da app, mobile e telefono. Nell’ultimo anno gli acquisti via app hanno trainato la multicanalità e sono aumentati del 10,7%. SAnche la quota di «esclusivisti» del web è diminuita mentre la quota di esclusivisti delle app è passata dal 6,9% al 9,1%.

Tra le prime dieci categorie più acquistate a distanza, otto sono relative a prodotti fisici e due a servizi e beni digitali. Rispetto al 2017 l’associazione tra app e acquisto di cibo a domicilio e cosmetici e quella tra telefono e acquisto di cosmetici e biglietteria (viaggi esclusi) è aumentata significativamente.

Dalla ricerca è emerso che lo schermo di supporto serve per confrontarsi sul prezzo e cercare eventuali promozioni in corso. O per affidarsi alle recensioni degli altri consumatori e per lasciare a propria volta una review di prodotto o servizio.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag