Pubblicato il

Trasferirsi all’estero fa bene, ecco perché

Recenti studi dimostrano che chi vive all’estero ha più vantaggi

trasferirsi
©iStockphoto

Sono diversi gli studi che analizzano la possibilità di trasferirsi all’estero. E in molti si chiedono se convenga. Non solo per un fatto economico e di carriera. Ma anche per un fatto di crescita personale. Si nota una grande differenza tra le persone che si trasferiscono all’estero e quelle che non lo fanno. Uno studio recente ha rilevato che le persone che si trasferiscono in un nuovo paese tendono ad avere un senso di sé migliore rispetto a coloro che non lo fanno. Vivere in un altro paese permette alle persone di sperimentare nuove culture e credenze. Di conseguenza, tendono a riflettere sui propri valori e sullo sfondo culturale. Trasferirsi all’estero può portare ad una maggiore soddisfazione nella vita e alla riduzione dello stress.

Trasferirsi all’estero: i vantaggi

Vivere all’estero ha molti vantaggi incredibili. Tra questi arrivare a viaggiare in posti nuovi, incontrare nuove persone e provare sempre nuove cose. Ma forse il più grande di tutti è il nuovo senso di sé che si scopre lungo la strada. Secondo un nuovo studio della Rice University in collaborazione con la Columbia University di New York e la University of North Carolina, vivere all’estero accresce la “chiarezza del concetto di sé”. Coloro che scelgono di vivere in un nuovo paese tendono ad avere un senso di sé migliore di quelli che invece rimangono nella città d’origine.

Gli esiti della ricerca

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver condotto un totale di sei studi separati. Hanno esaminato 1.874 partecipanti negli Stati Uniti e in programmi internazionali di MBA. Le indagini includevano partecipanti che vivevano all’estero e quelli che non lo facevano. E’ emerso che chi vive all’estero riflette più su sé stesso e sulle nuove culture. Per scoprire valori e norme che definiscono le persone.

“In un mondo in cui le esperienze di vita all’estero sono sempre più comuni i progressi tecnologici rendono sempre più facili i viaggi e le comunicazioni interculturali. E’ fondamentale che la ricerca tenga il passo con questi sviluppi e cerchi di capire come influenzano le persone”. Questo hanno commentato gli autori. “I nostri studi dimostrano che vivere all’estero influenza la struttura fondamentale del concetto di sé aumentando la sua percezione”.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ViaggiTag