Pubblicato il

Frittura di verdure all’indiana con chutney di mele

La ricetta è firmata da Simone Salvini, docente e chef della FunnyVeg Academy di Milano…

Frittura di verdure all'indiana con chutney di mele
Andrea Tiziano Farinati

L’INGREDIENTE  DEL CHUTNEY DI MELE- E’ uno dei frutti più benefici in assoluto: in una mela, infatti, ci sono acqua, fibre, proteine, zuccheri e sali minerali. Questa stimola il ringiovanimento dell’organismo, mantiene elastici i propri tessuti e consente un buon funzionamento del nostro organismo. Tra le sostanze presenti, ricordiamo in particolare il ferro, il calcio, il potassio, il fosforo ed il magnesio. Presenti anche le vitamine, in particolare quella A e C. Inoltre possiede proprietà antianemiche e diuretiche, regola il funzionamento dell’intestino, abbassa il livello di colesterolo e di zuccheri nel sangue.

LA RICETTA Frittura di verdure all’indiana con chutney di mele

LA DIFFICOLTA’ media

INGREDIENTI –

Per la pastella: 100 g farina di ceci setacciata, 150 g acqua fredda
, 2 g di sale. Un pizzico di curcuma, un pizzico di semi di cumino. Olio per friggere. Erbe, fiori eduli.

Per il chutney: 2 mele tipo Golden, succo di un limone, mezza stecca di cannella. Due chiodi di garofano, due scorze di limone, due datteri grandi, due foglie di alloro, un pizzico di peperoncino.

TEMPI DI PREPARAZIONE: 60 minuti più riposo.

LO SVOLGIMENTO – Tagliare a fette regolari tutte le verdure e coprirle con un panno leggermente bagnato. Mettere in una bacinella di metallo la farina insieme al sale, alla curcuma e ai semi. Aggiungervi lentamente l’acqua e girare con una frusta in modo da ottenere una consistenza liscia e priva di grumi. Lasciar riposare in frigo per alcune ore. Pelare le mele, eliminare i semi e tagliare la polpa in modo da ricavare dei cubetti regolari.

Metterli sul fondo di una casseruola insieme alla cannella, ai chiodi di garofano, alle scorze, alle foglie di alloro e al peperoncino. Cuocere con il coperchio a fuoco molto basso per circa 10 minuti senza aggiungere liquidi. Togliere dal fuoco, eliminare sia le scorze che le foglie di alloro. Condire il chutney con la polpa dei datteri tritati finemente, delle gocce di succo di limone e un pizzico di sale (se necessario). Di solito tale preparato va tritato al coltello e conservato in frigo per alcuni giorni.

Passare le verdure nella pastella fredda e friggerle nell’olio a 180°C per 3-4 minuti. Le verdure dovranno diventare croccanti all’esterno e prendere un colore quasi dorato. Passarle nella carta assorbente e mantenerle in caldo. Servire alcuni cucchiai di chutney sul fondo dei piatti. Adagiare sopra le verdure e decorare con i fiori e le erbe profumate.

La firma della ricetta

Il piatto è realizzato dagli studenti del master di alta cucina vegetale Ghita della FunnyVeg Academy su ricetta dello chef docente Simone Salvini. Grande interprete dell’alta cucina vegetale, lo chef Simone Salvini frequenta le cucine fin da giovanissimo. Imparando le basi che poi approfondisce attraverso la ricerca personale svolta in Italia e all’Estero. Irlanda e India, in primis. Gli studi di ayurvedica e di psicologia lo aiutano a sviluppare sensibilità e spiritualità profonde, aspetto che si riflette nello stile culinario.

Tra le sue collaborazioni: il Joia di Pietro Leemann a Milano, l’Associazione Vegetariana Italiana, l’Istituto Europeo di Oncologia di Umberto Veronesi e la Scuola di Cucina Alma. È chef di Identità Golose e autore/protagonista delle puntate del Gambero Rosso dedicate alla cucina vegetale, che Crozza ha ripreso per l’ironico sketch dedicato a Germidi Soia, e dal 2016 socio fondatore e docente della FunnyVeg Academy. La foto è di Andrea Tiziano Farinati.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag