Pubblicato il

Back to work, come lo vivono gli italiani

Un sondaggio sul rientro dalle vacanze nell’ottica dei consumi

back to work
istockphotos

Come affrontano gli italiani il rientro al lavoro? E il rientro a scuola, per chi è genitore? Ma soprattutto, quali sono le (inevitabili) spese che i consumatori si prospettano? Un sondaggio di DoveConviene, piattaforma leader di servizi di drive to store e shopper marketing, ha voluto indagare il back to work dei propri utenti. Il campione è rappresentato in prevalenza da donne (61%) e ha coinvolto la fascia 41-60 (44%), la fascia 32-40 (30%), seguita dalla fascia 26-31 (13%). Ecco che cosa è emerso.

Il back to work dei consumatori

Innanzitutto, come sono tornati dalle vacanze i nostri connazionali? Non particolarmente bene: per il 50% degli intervistati le vacanze non sono state sufficienti. Stanchezza e stress sono ancora tutti lì, ben presenti. Per fortuna c’è chi si sente riposato (o ‘abbastanza riposato’) ed è il 24% delle persone. Per un buon 25% degli intervistati sono solo i primi giorni del back to work ad essere impegnativi. Il 20% afferma di volersi dedicare all’organizzazione delle attività quotidiane per superare il trauma da rientro. Ma la maggior parte (il 46%) crede che la miglior cura per superare il trauma sia concedersi ancora del tempo libero e dei ritmi soft, magari vedendo di più gli amici e stando con la famiglia. Il 14% afferma invece di voler continuare con i weekend fuori porta. Mentre il 10% desidera togliersi alcuni sfizi dedicandosi agli acquisti.

E dunque, approfondiamo il tema degli acquisti. Fare compere permette di svagarsi e allentare lo stress da rientro. Specialmente quando si tratta di nuovi capi di abbigliamento e accessori di stagione, secondo il 70% degli utenti. Anche i complementi che rendono la casa più accogliente sono gettonati (35%). Elettronica e libri stanno sullo stesso piano, intesi come elementi di svago ed evasione (17%). Non manca chi investe in corsi per l’autunno (14%).

Non solo back to work

E tuttavia c’è anche il back to school per chi è genitore. Il costo per il ritorno sui banchi di scuola prevede una certa pianificazione degli acquisti. Anche se molti utenti (il 66%) affermano di non comprare tutto prima del rientro, pur avendo iniziato a prepararsi già dall’estate. Il mobile si conferma lo strumento primario per la ricerca delle informazioni, ma gli store fisici rimangono il luogo d’eccellenza per gli acquisti (78%). Le previsioni di spesa, esclusi i libri, sembrano essere piuttosto moderate e in linea con lo scorso anno senza particolari rincari. Tra i 100 e i 200 euro per il 79% degli italiani e tra i 200 e i 300 euro per il 15%. Solo un 3% prevede di spendere più di 300 euro.

Scopri tutti i Consigli per il back to school

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag