Pubblicato il

Rimini sulle note del jazz

Le note di New Orleans sono pronte ad inaugurare la nuova stagione riminese con il Rimini Jazz Festival

Sax
Courtesy of ©mkm3/Shutterstock

Anche se quest’anno in veste autunnale – non più all’aperto ma nella location del Teatro Novelli – torna a Rimini il Festival del Jazz (30 settembre – 2 ottobre), undicesima edizione di uno dei più importanti eventi del genere a livello europeo. Tre gli appuntamenti della kermesse – a ingresso gratuito – che puntano a coinvolgere il pubblico in un viaggio a ritroso nelle tradizioni e alle origini della musica che, a partire dal secolo scorso, ha scaldato il cuore di gente e popolazioni diverse: dai primi suoni allo swing, incentrandosi sul periodo tra il 1910 e il 1945.

Il Festival sarà inaugurato dall’ottetto Milano Hot Jazz Orchestra con una serata dedicata ai primordi del jazz e il legame con New Orleans attraverso arrangiamenti originali  dell’epoca e i suoni di banjo, bassotuba, cornetta e washboard (strumento a percussione). Il giorno dopo (1 ottobre) tocca a Michele Pavese, trombonista e per l’occasione direttore delle Roman Dixie Few Stars, impegnate a ripercorrere strumenti alla mano la storia del jazz: dalle radici agli spiritual, il blues, lo stile di Chicago, lo swing, Gershwin e Duke Ellington. Per ultima (domenica 2), ma non meno importante, l’orchestra diretta da Livio Laurenti Trieste Jazz Early omaggia i Ruggenti anni Venti e il musical di Broadway con la voce di Paolo Venier e le coreografie di due ballerini.

Rimini, la più grande delle località balneari della costa romagnola, anche se l’estate è ormai finita non va certo in letargo: adagiata fra il Mar Adriatico e le colline dell’Appennino la Signora della Riviera infatti cambia di abito ma non di pelle, confermandosi ancora una volta città dalle mille risorse. L’aria più pungente di fine settembre invita a passeggiare lungo la Palata (molo di Marina Centro) per ammirare come il volto del mare si modifichi a seconda del periodo dell’anno, mentre la vita notturna si sposta gradualmente verso i locali del bel centro storico e la Vecchia Pescheria in Piazza Cavour.

L’arrivo di temperature più fresche si sa mette appetito senza contare che l’autunno risveglia le colline addormentate dal sole e i loro vitigni. Così si “rimpolpa” il calendario degli appuntamenti e degli eventi sulla Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini come quello di domenica 2 ottobre con Mangiar sano di Montefiore Conca, uno dei 199 borghi più belli di Italia a pochi km da Rimini. Ai piedi dell’imponente Rocca Malatestiana per l’intera giornata si animano conferenze, esposizioni, degustazioni di prodotti biologici e mercatini per conoscere le eccellenze della produzione nostrana agroalimentare.

Ma anche la voglia di coccole da soddisfare con una puntata al Centro benessere di Riminiterme, la struttura termale che sorge sulla spiaggia riminese specializzata in talassoterapia. Dai massaggi ayurvedici al caldo “cocco”, dai fanghi allo scrub e alla vasca biomarina a forma di conchiglia il Riminiterme incontra le esigenze di ciascuno proponendo un’ampia offerta di pacchetti giornalieri, settimanali e per il week end. Con la pioggia si può programmare la visita in uno dei tanti musei, non solo quello della città da cui attingere anche informazioni su iniziative ed eventi per tutto il calendario, ma anche il Museo di Fellini, dove curiosare tra i materiali di archivio del Maestro (bozzetti, costumi, fotografie…) o quello delle conchiglie con 8.000 esemplari e la riproduzione di una spiaggia degli anni ’50.

Indirizzi utili
www.riminijazz.it
www.riminiturismo.it
www.stradadeivinidirimini.it
www.riminiterme.com

Leggi anche:
I luoghi della memoria felliniana

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ViaggiTag

Articoli correlati