Pubblicato il

Roma, il decalogo delle esperienze impagabili

“Priceless Experiences”, la top ten delle esperienze uniche da vivere nella Capitale secondo Mastercard

veduta cupola San Pietro, Roma
 thinkstock

“Per tutto il resto c’è Mastercard”, cita lo slogan pubblicitario della carta di credito. Ma nella vita ci sono cose che non hanno prezzo e che hanno bisogno di essere vissute per rendere completi un individuo.

Ci si può considerare “completi” senza aver visitato Roma? In pochi direbbero di sì. La capitale del mondo non spegnerà mai il suo fascino: i sette colli, il Ponentino, la storia, gli scorci, il cibo. Roma rimane la meta prediletta di turisti e visitatori, nonostante traffico e inquinamento che sembrano non scalfire la città eterna. E se Obama si è fatto accompagnare in una visita privata al Colosseo, quale esperienza potrebbe compiere un comune “mortale” per eguagliare il privilegio di uno dei potenti del globo?

A stilare la classifica delle Priceless Experience (le esperienze che non hanno prezzo) ci pensa Doxa per Mastercard. In particolare, le “Priceless experiences a Roma” sono state definite – mediante una survey presso 35 super esperti – in riferimento a sei specifici ambiti: food, arte/cultura, musica/teatro, sport, moda/shopping, hotel/itinerari. Si è arrivati così alla Top Ten generale delle experiences .

Il Priceless Rome Index è un indice dei luoghi iconici da vedere e soprattutto delle esperienze da non perdere assolutamente a Roma secondo gli insider dalle quali, poi, Mastercard ha preso spunto per l’omonimo programma di iniziative speciali per i suoi clienti. In cima alla classifica il cibo, quello stellato e gustato su una terrazza con vista panoramica sulla città. Esempi? La terrazza del Rome Cavalieri Hotel con Heinz Beck e quella dell’Hotel Hassler con Francesco Apreda.

Seguono un tour privato al tramonto e una visita esclusiva e a “porte chiuse” di una mostra d’arte sotto la guida d’eccezione del suo curatore. E siccome quando dici “Roma” dici anche Cinema, al quarto posto troviamo la partecipazione a una première del Festival del Cinema, insieme al regista e al cast. Al quinto posto l’irresistibile visita a luoghi e monumenti abitualmente non aperti al pubblico, come ad esempio le prigioni di Castel Sant’Angelo, il giardino del convento dei Padri Passionisti di San Giovanni e Paolo, un piccolo bosco immerso nella storia a pochi metri dal Colosseo, uno dei punti più riservati della Roma antica.

Musica da non sottovalutare per gli amanti della Capitale: a loro è dedicato un posto in prima fila per un concerto all’Auditorium o all’Accademia di Santa Cecilia. E ancora visitare Cinecittà, la “casa” di Fellini e tanti registi e attori che hanno sempre portato Roma nel cuore. E come non inserire il calcio in una città in cui le squadre Lazio e Roma contano i più fedeli tra i tifosi del pallone: una delle esperienze impagabili per gli esperti sarebbe vedere entrare in campo il proprio figlio accanto al suo goleador del cuore.

E ancora, sulla scia di Vacanze Romane, al nono posto troviamo un giro di Roma in Vespa, insieme a un esperto conoscitore della città. E la moda? C’è anche quella. Ma in questo caso a entrare tra le esperienze imperdibili a Roma è la visita a un atelier di un artigiano che possibilmente faccia lo sconto sull’acquisto della merce.