Pubblicato il

Gli alimenti “amici” del sonno

Esistono alimenti capaci stimolare il sonno ed altri capaci di aumentare gli stati di ansia. Ecco cosa portare in tavola per dormire sonni tranquilli

Alimentazione e insonnia
 thinkstock
Secondo l’Istituto Neurologico Mediterraneo, circa un terzo della popolazione italiana soffre di Insonnia. Le cause possono essere molteplici, tuttavia l’alimentazione riveste un ruolo fondamentale nell’assecondare i disturbi del sonno. Infatti, la qualità, la quantità e la tipologia di alimenti che consumiamo prima di coricarci, condiziona il rilassamento muscolare e la produzione di quei neurotrasmettitori come la serotonina che favoriscono il relax.
“La premessa per un buon sonno è una buona digestione” spiega il nutrizionista Alfredo Vanotti, professore in Dietetica e Nutrizione all’Università degli Studi e Bicocca di Milano. Quindi, prima regola: mai andare a letto con lo stomaco vuoto o con lo stomaco troppo pieno. Al contrario, è raccomandabile consumare alimenti che contengono triptofano, aminoacido precursore della serotonina, neurotrasmettitore che con la melatonina regola l’umore, il ritmo del sonno ed ha un’azione calmante.
L’Avena, ad esempio, è un cereale che rinforza il sistema nervoso perché contiene sali minerali, vitamine e zinco. Non è un calmante, ma è un alimento molto utile per i super-stressati. Tuttavia, è difficile che a cena qualcuno scelga di mangiare fiocchi di avena, ma una buona alternativa può essere una minestra di orzo, molto adatta per tranquillizzare i soggetti ansiosi. Al contrario, spizzicare altri cereali, prima e dopo cena, sembra essere una pessima abitudine: le elevate quantità di zuccheri raffinati e carboidrati li rendono perfetti per la colazione del mattino, ma decisamente meno adatti per favorire il riposo notturno.
Detto ciò, la natura offre numerosi prodotti capaci di stimolare il sonno e la Lattuga comanda la classifica delle verdure rilassanti. Ma non solo, oltre a facilitare la digestione, è un ottimo alleato contro la stitichezza ed ha una funzione depurativa, grazie alle elevate quantità di acqua, vitamine e sali minerali. Invece, il Sedano, l’Anguria e la Cipolla sono fra i cibi fuori classifica in quanto considerati eccessivamente diuretici.
Inoltre, i latticini sono ottimi “amici” del sonno, al contrario del pensiero comune. Infatti, latte, formaggi e yogurt sono buone fonti di triptofano. Contengono calcio e sono efficaci per ridurre lo stress e calmare il sistema nervoso. Attenzione però ai formaggi stagionati: proteine, grassi e calcio contrastano con i meccanismi chimici del rilassamento e la loro digestione può causare stati di ansia. Una buona tazza di latte prima di coricarsi è sempre un ottimo toccasana contro lo stress.
Sempre in natura, tuttavia, esistono taluni frutti che garantiscono “notti da oscar”, assecondando la digestione e favorendo il tanto ricercato relax. Albicocche, pesche, mele e banane sono i frutti che più di tutti aiutano a conciliare il sonno. L’albicocca e la pesca sono i calmanti per eccellenza grazie all’elevata percentuale di potassio, bromo e vitamina B presente nella polpa. La banana, invece, è un frutto ricco di magnesio e potassio, elementi che aiutano muscoli e nervi a distendersi. Infine, la mela è facilmente digeribile, rinfrescante, diuretica e rilassante.
Cosa evitare assolutamente? Caffè, cioccolato, zucchero ed alcool. Un recente studio ha dimostrato che sette persone su dieci che consumano cibi dolci e bevande alcooliche prima di andare a letto tendono ad avere spaventosi incubi notturni e la colpa sarebbe da attribuire agli alti livelli di zucchero nel sangue.