Pubblicato il

Tutte pazze per la Bicicletta

Numerosi studi hanno dimostrato i prodigiosi effetti di una sana pedalata. Ecco i dettagli

bicicletta, spiaggia, donna
istockphoto.com
John Ratey, psichiatra della Harvard Medical School, nel suo libro “Spark: The Revolutionary New Science of Exercise and the Brain”, racconta dei miglioramenti ottenuti da alcuni pazienti affetti da gravi forme di depressione, dopo un intero anno di “cicloterapa”. Infatti, gli scienziati che da anni studiano i benefici della bicicletta sul nostro cervello, sembrano essere concordi: pedalare abbassa lo stress e diminuisce la depressione. In due parole: regala felicità. Tralasciando però le statistiche e gli studi scientifici, tra pochi mesi prenderà il via il tanto temuto momento della cosiddetta “prova costume”. E’ bene, quindi, dedicarsi fin da ora alla cura delle proprie curve, per evitare spiacevoli soprese.
Infatti, per ritorvare la forma, scegliere di dedicare qualche minuto della propria giornata a rilassanti pedalate, potrebbe essere la soluzione ideale. Un’ora di bicicletta fa bruciare fino a 500 calorie e secondo una ricerca pubblicata su Archives of Internal Medicine, che studia gli effetti della bicicletta sulle donne, pedalare più volte alla settimana vanta prodigiosi risultati dimagranti.  Ma non solo, oltre a regalare grandi benefici per quanto riguarda la salute del cuore, un giretto sulla due ruote aiuta a tonificare i muscoli di gambe, glutei, addominali e braccia. Una nota rilevante: rispetto ad altri sport non comporta alcun rischio per le articolazioni poiché non obbliga la gambe a reggere l’intero peso del corpo.
Andare in bicicletta è, quindi, particolarmente utile anche per “intaccare” i depositi adiposi, quasi sempre localizzati in zona fianchi, addome e cosce. Infatti, dopo 30 minuti di attività il nostro corpo comincierà a bruciare i grassi in eccesso, tonificando e potenziando l’intero apparato muscolo- scheletrico. Ma non solo, più si pedala intensamente e più si allunga l’aspettativa di vita. Lo sostiene uno studio danese: per le donne, dai 2 ai 3 anni in più, e per gli uomini, dai 4 ai 5 anni. E’ stato dimostrato, infatti, che i ciclisti del Tour de France vivono, in media, circa 8 anni in più rispetto ad altri sportivi.