Pubblicato il

Soia: prezioso alleato in menopausa

I benefici effetti del legume più coltivato al mondo vanno dalla prevenzione dell’arteriosclerosi al contrasto dei disturbi della menopausa

donna, menopausa, vecchiaia, sorriso
istockphoto.com
Le particolari proprietà della soia sono, da tempo immemore, al centro degli studi di numerosi ricercatori di tutto il mondo. Oggi, dopo anni di test in laboratorio, si può affermare il carattere dieto terapeutico di questo alimento. Grazie alla lecitina, infatti, abbassa il livello di colesterolo del sangue, previene il rischio dell’arteriosclerosi e dell’infarto al miocardio, e non solo: la lecitina ha effetto ricostituente sul sistema nervoso centrale, in quanto fornisce la colina, e vanta un alto contenuto di fitoestrogeni, consigliati per il trattamento delle donne con lievi disturbi dovuti alla menopausa.
Una dieta corretta ed equilibrata, quindi, può aiutare le donne a prevenire i classici disturbi dovuti al grande passaggio, e, tra i tanti alimenti, la soia risulta essere un prezioso alleato per la salute. I fitoestrogeni di cui è ricca, infatti, sono sostanze vegetali che vantano questo appellativo a causa della loro incredibile somiglianza con gli estrogeni umani. Nonostante il carattere sia il medesimo, però, gli estrogeni vegetali hanno un’attività biologica 1.000 volte più lieve rispetto a quella degli estrogeni umani. Tuttavia, se introdotti in adeguate quantità, possono esercitare un interessante ruolo di contenimento dei sintomi della tanto odiata menopausa: è stata dimostrata la loro incredibile efficacia sulla riduzione delle cosiddette vampate di calore.
Numerose ricerche hanno per l’appunto testimoniato che l’integrazione dietetica con farina di soia permette di ridurre le vampate del 25-40%. Trattandosi di estrogeni deboli è probabile che possano quindi trarne maggiori benefici le donne con sintomi di lieve entità. Per donne con menopausa fortemente sintomatica è invece necessario ricorrere alle più incisive terapie ormonali sostitutive tradizionali. Inoltre, la soia è un prezioso alleato anche nella prevenzione dell’osteoporosi. Studi epidemiologici hanno comprovato che le popolazioni orientali hanno un’incidenza minore di osteoporosi rispetto a quelle occidentali: dopo la menopausa, l’assunzione di 45 grammi di soia al dì, permette di aumentare in modo considerevole il contenuto minerale delle ossa.