Pubblicato il

Lavanda, usi cosmetici poco noti

L’olio essenziale di lavanda gode di proprietà multi-uso, tra cui diversi risvolti cosmetici interessanti

Fiori di lavanda
LaPresse

Solo a nominare la lavanda nascono nella mente suggestioni cariche di profumo, di bucato pulito, immagini di Provenza e paesaggi di un romanticismo sfrenato. Il fiore di lavanda, tradizionalmente coltivato nel sud della Francia ma diffuso in tutto il bacino mediterraneo, prende il suo nome proprio dall’uso millenario che si lega alla detersione del corpo, alla preparazione dei saponi, del bucato, dei detergenti per la casa. Ma anche della profumazione di ambienti, cassetti con la biancheria, e benefici aromaterapici che derivano dall’odorarla a lungo (stimola il relax e la tranquillità).

L’olio essenziale che si estrae dalla lavanda è uno dei più potenti ed utilizzati in campo erboristico e fitoterapico. Il suoi principi attivi hanno proprietà medicamentose note da secoli (lenitive, cicatrizzanti, analgesiche, antisettiche, tra le tante), ma è sui suoi aspetti cosmetici che vogliamo soffermarci: l’olio di lavanda è uno di quei prodotti multi-funzione che si può utilizzare su pelle e capelli per diversi scopi.

Purificare la pelle. Diluite 10-15 gocce di olio essenziale di lavanda in una boccetta con 30 ml d’acqua, oppure distribuitene 2-3 gocce direttamente su un dischetto di ovatta bagnato, e utilizzate il composto come tonico detergente. L’olio ha infatti un alto potere purificante, che pulisce la pelle a fondo ed è un ottimo alleato in caso di punti neri e impurità varie. Passatelo ogni sera prima di andare a dormire per detergere la pelle di collo e viso e concludete con un velo di crema idratante, o ancora meglio (per rimanere in ambito erboristico) un gel di aloe vera.

Detergere il cuoio capelluto. L’olio di lavanda ha un potere riequilibrante del sebo, ottimo quindi per chi ha i capelli tendenzialmente grassi (diluitelo in acqua e semplicemente massaggiate il cuoio capelluto prima dello shampoo). Le sue proprietà detergenti lo rendono inoltre adatto all’eliminazione della forfora, e se spalmato sulle lunghezze dei capelli contribuisce a renderli lucenti. E’ anche un ottimo antiparassitario, efficace nella prevenzione dei pidocchi se frizionato sul cuoio capelluto.

Combattere gli inestetismi. La pelle a buccia d’arancia e la cellulite non si combattono con un semplice impacco di olio essenziale, ma frizionato quotidianamente su cosce e glutei l’olio di lavanda stimola la microcircolazione e favorisce quindi l’eliminazione di questi inestetismi, contribuendo fortemente a minimizzarli. Soprattutto se coadiuvato dai trattamenti adeguati (alimentazione sana e idratazione in primis). Con lo stesso scopo – e per detergere tutta la pelle del corpo – se ne possono sciogliere una decina di gocce nell’acqua prima di immergersi nella vasca da bagno.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag

Articoli correlati