Pubblicato il

Tea tree oil, un prodigio della natura

Si chiama olio di malaleuca, ma è più noto con il suo nome anglofono. Ed è un vero prodigio della natura

Annusare oli essenziali
istockphotos
La malaleuca alternifolia o ‘albero del tè’ è una pianta australiana dominante nel suo habitat ma che non brilla per il suo essere ornamentale, quanto piuttosto per l’estratto che da essa di ricava: l’olio di malaleuca, più noto con il nome di tea tree oil, è uno di quei prodotti naturali che, una volta provato, non smetterete più di acquistare. Si trova in erboristeria e un piccolo flaconcino (da circa 50 ml) costa intorno ai 10 euro, ma calcolando che ne bastano poche gocce per volta vedrete che durerà a lungo. 
L’olio essenziale dell’albero del tè (il nome gli venne dato da James Cook, che di questa pianta trovò particolarmente apprezzabile l’infusione) è infatti un alleato portentoso del corpo, perché in grado di curare diverse piccole problematiche. Si tratta infatti di un olio dall’altissimo potere disinfettante, anti-batterico, anti-micotico, cicatrizzante, antisettico. Questo significa che lo si può utilizzare per mille e più patologie, come micosi delle unghie o della pelle, herpes labiale, candidosi, acne, foruncoli, verruche, afte, gengiviti, infezioni respiratorie, infestazioni da parassiti (pidocchi e pulci negli animali). 
Un vero portento, che si applica direttamente sulla pelle puro o diluito a seconda della sensibilità dell’area (può essere leggermente irritante). Per uso interno, si può inalare tramite fumetti o semplcemente immergendosi nella vasca da bagno con acqua calda in cui si sono versate 20-30 gocce di tea tree oil, per alleviare tosse, problemi alla gola, congestione nasale. Meno chiaro è l’uso per via orale, perché qualche studio lo ritiene tossico, anche se fare sciaqui diluiti con acqua, per esempio in caso di gengiviti o afte, non arreca alcun danno, anzi. Essendo irritante occorre fare attenzione in caso di mucose o ferite aperte, sulle quali può bruciare (diluitelo con un altro olio vegetale, magari di mandorle dolci, per limitare l’effetto caustico). Ancora, si può diluire qualche goccia nello shampoo per ottenere un antiforfora portentoso, o nel detergente per il viso per combattere l’acne (in caso di grossi foruncoli o brufoli, applicate direttamente una goccia sulla parte). Non ultimo, è un ottimo deodorante, sia per ambienti che per gli indumenti, e la sua azione disinfettante si rivela efficace anche per detergere la casa, lasciando il suo caratteristico aroma mentolato a rinfrescare l’ambiente.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie BeautyTag