Pubblicato il

Lenticchie, buon auspicio e tanta salute

Il legume tipico di Capodanno si lega alla simbologia ma anche al benessere dell’organismo

Legumi lenticchie
istockphotos
Sembrerebbe essere il legume di cui per primo l’umanità si è cibata: la lenticchia appartiene alla nostra dieta dalla preistoria, talmente diffuso sin da tempi antichissimi da essere protagonista di un episodio della Genesi biblica – Esaù, figlio di Isacco e Rebecca, fratello di Giacobbe, cedette la sua primogenitura a quest’ultimo in cambio di una minestra di lenticchie. 
Insomma dopo millenni di diffusione, la lenticchia è ancora un legume ampiamente utilizzato in cucina, che a cavallo dei festeggiamenti dell’anno nuovo diventa grande protagonista della tavola. Ad essa infatti è legata la simbologia, che sembrerebbe derivare dalla tradizione Romana, della prosperità e del benessere, ragione per cui le si mangia a Capodanno come buon auspicio. La loro forma ricorda infatti piccole monete, ma anche piccole lenti, ed è da questa somiglianza che deriva il loro nome latino Lens culinaris
Sono tantissime la varietà di lenticchia coltivate nel mondo, che si distinguono nella dimensione, nella colorazione (verde, arancione, gialla, bruna, grigiastra), in consistenza e ovviamente in sapore. In Italia le lenticchie degne di nota per la loro qualità sono diverse, come quella di Castelluccio, di Colfiorito, di Ustica, di Onano, di Altamura, di Villalba, di Ventotene, solo per citarne alcune. Quale comparirà sulla tavola di Capodanno è questione di gusti (o di reperibilità), ma in ogni caso avrete sul piatto un prodotto dalle grandi proprietà nutritive, come tutti i legumi.
Le lenticchie sono infatti una vera miniera di proteine vegetali e di fibre, di minerali tra cui magnesio e potassio, ma soprattutto ferro (addirittura più della carne, tuttavia di più difficile assorbimento); anche le proteine hanno un valore biologico più scarso rispetto a quelle derivazione animale, perché mancano nelle lenticchie alcuni aminoacidi essenziali, ecco perché si consiglia di consumarle sempre in associazione ai cereali in modo da renderle più complete. Le lenticchie sono altamente nutritive, sazianti ed energetiche, nonché ricche di sostanze antiossidanti, di vitamina PP, e di tiamina, utile per le funzioni cerebrali legate alla memoria e alla concentrazione.
*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag