Pubblicato il

Jeans, no alla lavatrice

Secondo il CEO di Levi’s, il capo più famoso dagli anni ’70 non andrebbe lavato se non dopo averlo indossato a lungo. I consigli

vari tipi di jeans appesi
iStock
A zampa di elefante, a sigaretta, strappati fino allo stretch. E con bagni di colori infiniti. Chi non ha un paio di jeans nell’amadio? Un capo d’abbigliamento irrinunciabile, di quelli che non passano mai di moda, ma che deve essere trattato con (molta) cura.
Nell’epoca in cui tutto ciò che indossiamo va a finire nella cesta dei panni sporchi dopo solo una volta che è stato indossato, il CEO del Gotha dei jeans – Chip Bergh – assicura che un buon paio di denim non andrebbe lavato in lavatrice; almeno fino a quando non sia stato sfruttato in più occasioni.

Il motivo? Bergh ha espresso la suo opinione in un’intervista video a Fortune Magazine di qualche anno fa, circolata nuovamente in rete di recente e ripresa dai media. Stando a quanto riportato dal CEO, la lavatrice tenderebbe a danneggiare i materiali e sarebbe soltanto uno spreco d’acqua: “Nel 2007 abbiamo condotto uno studio, dal quale è emerso che 501 paia di jeans riuscirebbero a consumare circa 3,800 litri d’acqua”.
Una conferma rispetto a quanto si è sempre pensato: più li indossi, più sono belli. Teoria – questa – sostenuta anche dall’azienda Hiut Denim che specifica come il colore dei jeans possa “positivamente rovinarsi” proprio nei punti in cui questi si modellano a seconda del corpo che li indossa. Come dire: se ho un sedere pronunciato, comparirà una tinta sbiadita sul fondoschiena o i sui fianchi. Una sorta di “autoregolazione” che il tessuto compie proprio nei punti strategici del nostro corpo dando una sensazione di piacevole equilibrio alla figura. Sedendosi, infilando o tirando fuori qualcosa dalle tasche o semplicemente camminando, si rendono i jeans più armoniosi. è a questo punto che il colore sbiadisce nei punti in cui deve sbiadire. Se venissero lavati troppo presto, il colore sbiadirebbe in maniera uniforme negando alla silhouette quel tocco di fascino che avrebbe acquistato solo muovendosi.senza considerare che una delle caratteristiche della fibra dei jeans è quella di essere particolarmente resistente e difficilmente in grando di assorbire macchie.

E siccome non è possibile indossare capi che non vengano mai lavati, l’alternativa potrebbe essere quella suggerita da alcune aziende: esporre i jeans all’aria o infilarli in freezer per una notte intera. In questo modo i batteri verrebbero debellati senza intaccare i materiali con l’acqua e il detersivo. Oppure indossarli a lungo e lavarli una volta ogni tanto.a voi la scelta!
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie CasaTag