Pubblicato il

Le regole d’oro per combattere l’insonnia

Dalla televisione alla palestra, ecco qualche trucco per poter godere a pieno di una notte di riposo

Donna che dorme
istockphoto.com
Soffrire di insonnia può causare spesso numerose problematiche e, tra gli altri, i risultati psicologici della carenza di sonno dimostrano peggiori performance cognitive, regressione della memoria, dell’attenzione e delle prestazioni. Inoltre all’insonnia a lungo termine è anche associata ansia e depressione. Detto questo, però, è opportuno specificare che il sonno delle persone peggiora con l’avanzare dell’età: dopo 65 anni, tra il 12% e il 40% delle persone soffrono d’insonnia. Per poter risolvere quest’importante problematica, nel tempo sono stati elaborati ed implementati numerosi studi, sia a base di farmaci che a base di trattamenti naturali. Ecco, allora, qualche consiglio naturale per combattere l’insonnia e migliorare la qualità del sonno.
Orario: è opportuno sapere che coricarsi sempre alla medesima ora aiuta il corpo a lasciarsi andare. Ma non solo, è importante utilizzare il letto solamente per dormire. Proibita, quindi, la televisione, la lettura ed ogni altra attività capace di tenere la nostra mente impegnata. Senza dimenticare, poi, che pc e tv sono due fonti luminose che inibiscono il rilascio della melatonina, l’ormone che regola il ciclo sonno-veglia.
Sport: non praticare sport nelle ore serali. Se l’attività fisica durante il giorno concilia il sonno, poco prima di dormire potrebbe compromettere il riposo notturno a causa dell’aumento della temperatura corporea. Inoltre, la produzione di endorfine, nonché una sostanza eccitante, causata dall’attività fisica potrebbe contribuire a tenerci svegli fino a tarda notte.
Meditazione: ricorrere a tecniche di rilassamento che aiutano l’organismo a raggiungere più facilmente il sonno potrebbero essere una soluzione vincente. A dirlo è uno studio condotto dal ricercatore Ramadevi Gourineni, direttore del programma di insonnia alla Northwestern Memorial Hospital in Illinois. Le tecniche di meditazione sono tantissime e sta ad ognuno di noi trovare quella a lui più congeniale, dallo Yoga al training autogeno.
Fare un bagno caldo: dedicarsi qualche attenzione prima di andare a letto potrebbe aiutarci a ritrovare il sono perduto. Ad esempio, fare un bagno o una doccia calda prima di andare a letto aiuta a rilassare i muscoli e le mucose respiratorie. Per i più pigri può andar bene un pediluvio. L’obiettivo è scaldare le estremità del corpo: i meccanismi che regolano la temperatura influenzano quelli di controllo del sonno.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie BeautyTag