Pubblicato il

Come coltivare lo zenzero in vaso

La radice dalle mille virtù si può coltivare sul balcone: ecco come fare

Piante di zenzero
istockphotos
Avete dello zenzero in frigorifero che sta cominciando a germogliare? Ebbene, invece di eliminare quei rizomi, pensate a come trarne vantaggio: è il momento perfetto per piantarli. Coltivare lo zenzero (Zingiber officinale) non è difficile, richiede però qualche mese di attesa prima di ottenere un raccolto. Ma andiamo con ordine. Lo zenzero è una radice di origine asiatica dalle mille virtù: potente curativo, deliziosa spezia, utile per la linea, cresce a latitudini subtropicali (Cina, India) e perciò se lo volete coltivare in vaso dovrete far sviluppare la pianta nei mesi tra aprile e ottobre. Quando fa freddo tuttavia la si può ritirare in casa. Si parte da una radice di zenzero, che è bene acquistare biologica, dato che spesso quelle che trovate al supermercato sono trattate con una sostanza anti-germogliante. Attendete semplicemente che i rizomi comincino a mettere dei germogli conservandoli in frigorifero; se avete una radice che non germoglia, lasciatela in ammollo 10-12 ore e vedrete che comincerà a farlo.

Tagliate quindi le parti di rizoma germogliate, che metterete a dimora in un vaso a circa 15 cm di distanza l’una dall’altra e a circa 3 cm di profondità (potete cominciare con poco terriccio e aggiungerne man mano che la piantina cresce). Il terreno dovrà essere ricco ma ben drenato, lo zenzero ama l’umidità tropicale ma non i ristagni idrici: mettete uno strato di argilla espansa sul fondo del vaso e scegliete un terriccio ricco di sostanza organica mischiato a sabbia. Una volta piantati i vostri rizomi, annaffiate quotidianamente e attendete che la pianta si sviluppi: essa produrrà delle lunghe foglie verde intenso, dei fiorellini bianchi e dei piccoli frutti a forma di capsula. Tenetela a mezz’ombra, e fate attenzione che la temperatura non scenda mai al di sotto dei 15 gradi.


La radice di zenzero sarà pronta da raccogliere a fine stagione: dopo la fruttificazione la pianta comincerà a perdere le foglie, il fusto a seccarsi, e solo allora significa che il rizoma sotto terra è abbastanza grosso da essere utilizzato. Se tuttavia lo lasciate interrato per ancora qualche mese (ricordandovi sempre che se l’autunno è freddo lo dovrete trasferire all’interno o in una mini-serra) esso si ingrosserà ulteriormente. Quando raccogliete la radice, fate attenzione a tagliarla – con un coltello sterilizzato – lasciando alcune parti di rizoma nel terreno, in modo che la pianta ricominci il suo ciclo, sempre a condizione che venga tenuta al caldo durante i mesi freddi.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie CasaTag