Pubblicato il

Torino Bassano, la classe del vermut in un drink

La ricetta di Mezzo Vermuteria di Roma unisce il sapore del liquore piemontese alle note agrumate del Bitter

drink vermut
iStock

Il vermouth o vermut nasce ufficialmente a Torino nel 1786 grazie ad Antonio Benedetto Carpano. Ispirato ai numerosi vini all’assenzio, all’epoca popolari soprattutto in Germania e Francia, dà origine a una tradizione in Piemonte. Viene meno l’impiego medico del vino all’assenzio, poi si distingue per l’aggiunta di zucchero e di alcool.

Tradizione del vermut piemontese

Fin dalla nascita, il vermouth è un prodotto regale e aristocratico, diventato un vero e proprio status symbol nei primi decenni del ’900. Tanto da sopravvivere alle guerre: alla fine del XIX secolo c’erano una ventina di produttori, alcuni dei quali, Cora in primis, cominciano a esportare in tutto il mondo. Dopo essere diventato un prodotto di massa (con conseguente diminuzione della qualità) è passato nel dimenticatoio. Oggi, invece, vive più forte che mai.

Basti pensare ai nuovi brand di imprenditori che hanno acquistato i marchi ormai defunti. È un prodotto agroalimentare tradizionale italiano, si beve specialmente come aperitivo ed entra nella composizione di molti cocktail, tra quali famoso è il Martini ma può anche essere utilizzato per cucinare carni. Ci sono vari stili di vermut, generalmente distinti per colore (rosso, bianco e rosato) e per gusto (dolce, secco, extra secco e chinato).

Il cocktail

Il cocktail “Torino Bassano” è nato dalla creatività dei ragazzi di Mezzo, la piccola e apprezzata vermuteria dell’isola pedonale del quartiere Pigneto di Roma. Una perla in quella striscia di terra della periferia romana ormai da anni assediata da bar e locali. Sull’esempio di Anselmo, il locale di Torino che prende il nome da un marchio storico del capoluogo piemontese, ricco di storia e vermut d’eccellenza, Mezzo è sulla scena romana, il cocktail bar che offre il maggior numero di varietà di vino liquoroso. Il Torino Bassano unisce al gusto ricco del Vermut, il sapore agrumato e dolceamaro del Bitter, impreziosito dalle note speziate e fruttate della Tagliatella. Ecco la ricetta:

Ingredienti

4,5 cl di Vermouth
4,5 cl di Bitter Nardini
1 cucchiaino di Tagliatella
ghiaccio

Inserite nel bicchiere da cocktail alcuni cubetti di ghiaccio. Versate tutti gli ingredienti. Guarnite con scorza di limone e arancia.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag