Pubblicato il

Stati Uniti: Trump promuove il turismo

E’ in aumento il flusso turistico verso gli Stati Uniti grazie all’elezione di Donald Trump: ecco i dati che sorprendono

Washington D.C., la Casa Bianca, residenza di Trump
©iStockphoto

Donald Trump, nel bene o nel male, è ormai un vivo argomento di conversazione. Anche per quel che riguarda il turismo. Con il suo insediamento alla Casa Bianca infatti, è emerso un dato interessante. Dalle rilevazioni di Opodo, agenzia di viaggi online, i viaggiatori dalla Russia agli USA sono cresciuti del 168% dopo l’elezione di Donald Trump alla Presidenza degli Stati Uniti d’America. E aumentano anche i turisti italiani. Si è stimato con il 36% in più da novembre 2016 a gennaio 2017 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si tratta dell’aumento più importante, seguito subito dopo dal picco di viaggiatori provenienti dai paesi nordici. Tra questi Svezia (+96%) e Danimarca (+81%) in primis. A cui si aggiunge anche una crescita del 50% delle partenze dalla Germania verso l’America. Spagna, Austria, Italia, Norvegia, Finlandia e Portogallo completano la lista.

GLI STATI UNITI D’AMERICA E DONALD TRUMP

A restare invariato rispetto allo scorso anno, invece, è il costo medio di un biglietto aereo. Per andare e tornare dall’America si spende in media intorno ai 614 euro. Molti turisti scelgono come destinazione primaria Washington e la Casa Bianca. Che risulta essere sempre una meta imperdibile. Visitare la dimora dell’uomo più potente del mondo ha sempre il suo fascino. Bisogna andare al 1600 di Pennsylvania Avenue: appena a nord del National Mall, a sud di Dupont Circle, ad ovest di Downton e Capitol Hill e ad est di Georgetown. Il famoso edificio venne inaugurato il 1 novembre del 1800, pochi mesi dopo la morte di George Washington. Ecco perché il primo presidente ad insediarsi fu John Adams.

LA CASA BIANCA

Con il corso degli anni e il susseguirsi dei vari presidenti vennero avviate numerose ristrutturazioni oltre che abbellimenti. Franklin Delano Roosevelt ordinò il totale rifacimento dei pavimenti e un ammodernamento generale. Per tornare al progetto neoclassico iniziale con Truman. Il complesso che si presenta oggi appare come un elegante e raffinato palazzo, anche se non brilla per maestosità. Si estende su una superficie di 6000 mq con l’edificio centrale neoclassico che ne è il cuore pulsante. Gli eleganti interni non sono eccessivamente sfarzosi. Per i cittadini che non sono americani è particolarmente difficile riuscire a prenotare una visita. Bisogna iniziare a muoversi con almeno 6 mesi di anticipo e prevedere una serie incredibili di controlli di sicurezza.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ViaggiTag