Pubblicato il

Bagno caldo: rilassandosi si bruciano calorie

Un’ora di relax consentirebbe di bruciare 140 calorie, le stesse di una camminata di 30 minuti: parola degli scienziati della Loughborough University

bagno caldo
Courtesy of©BeauSnyder/iStock

Sono tanti i modi per staccare la spina e concedersi un momento di relax. Cosa c’è di meglio di un bel bagno caldo? A quanto pare, oltre a rilassare mente e corpo, farebbe molto di più. Avrebbe infatti effetti positivi sulla salute. Di recente la scienza si è interessata al riscaldamento passivo. Secondo quanto rivelato al sito The Conversation dal Dr Steve Faulkner, ricercatore presso la Loughborough University, un bagno potrebbe portare a grandi benefici paragonabili a quelli derivanti dall’attività sportiva. Sarebbe così possibile migliorare il controllo il diabete di tipo 2.

Bagno caldo, un toccasana per la salute

Abbiamo studiato l’effetto di un bagno caldo sul controllo della glicemia e sul numero di calorie bruciate.” Come? “Abbiamo sottoposto a un test 14 uomini. A loro è stato chiesto di rimanere in vasca, per un’ora, ad una temperatura di 40 ° C o di pedalare per altrettanto tempo”- si legge sul Daily Mail. Il fine? Causare l’aumento di 1 ° C della temperatura corporea interna. Sono state poi misurate le calorie bruciate per ogni sessione. Ma non solo. E’ stata anche controllata la glicemia nelle 24 ore.

Stare a mollo permette di bruciare 140 calorie

I risultati? La pedalata ha fatto registrare un maggior numero di calorie bruciate rispetto a un bagno caldo ma, quest’ultimo, nonostante si tratti di un’attività che non comporta alcuno sforzo fisico, ha portato comunque al consumo di circa 140 calorie. Il che equivale a una passeggiata di mezz’ora.

Per quel che concerne la concentrazione di zucchero nel sangue, chi è rimasto a mollo ha presentato un picco glicemico inferiore del 10% rispetto a quello dei partecipanti che hanno fatto attività fisica. Dallo studio è inoltre emerso che il riscaldamento passivo, a cui ci si sottopone rilassandosi in vasca, può contribuire a ridurre l’infiammazione cronica spesso presente in casi di malattie come il diabete di tipo 2.

Riscaldamento passivo. I benefici per la salute

Che il riscaldamento passivo sia un toccasana per la salute umana lo avevano giù appurato alcuni ricercatori finlandesi. Il loro studio, risalente al 2015, ha rivelato che la sauna può aiutare a ridurre il rischio di ictus o infarto. Almeno negli uomini. Anche l’University of Oregon ha pubblicato una ricerca interessante. Era il 2016 quando è stato dimostrato che i bagni caldi, se effettuati regolarmente, possono abbassare la pressione sanguigna. In un secondo studio, lo stesso gruppo, ha esaminato il meccanismo responsabile di questi miglioramenti.

Essi hanno scoperto che il riscaldamento passivo potrebbe aiutare i diabetici con problemi circolatori. Stimola infatti la produzione di monossido di azoto, una molecola che dilata i vasi sanguigni, migliora la circolazione del sangue e riduce la pressione sanguigna.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag