Pubblicato il

Outfit da colloquio: decalogo per farsi assumere

L’abito fa il monaco quando si tratta di affrontare un colloquio di lavoro. Parola di esperti

istockphotos

Durante un colloquio di lavoro spesso si hanno solo pochi minuti per dare il meglio di sé. Il linguaggio del corpo è importantissimo, così come l’atteggiamento. Ma anche l’abbigliamento non è affatto da dare per scontato. Secondo una importante società di recruitment inglese, TheLadders.co.uk, l’outfit da colloquio è fondamentale. Ben 4 selezionatori su 10 infatti ammettono di scegliere i candidati basandosi sul dress code. A dimostrare che l’abbigliamento condiziona la percezione che si ha di sé, secondo un meccanismo noto come enclothed cognition, ci hanno pensato due studiosi della Northwestern University. E lo conferma uno studio condotto da Espresso Communication per Bigi Cravatte Milano, attraverso il monitoraggio di oltre 70 testate internazionali e il coinvolgimento di fashion blogger ed esperti di stile.

Insomma, l’abito fa il monaco. Ma qual è il giusto outfit da colloquio?

colloquio di lavoro

Gli esperti di stile incrociano le loro opinioni con gli studi scientifici, facendo emergere alcune ‘regole d’oro’ da tenere sempre a mente quando si sceglie l’outfit da colloquio. Naturalmente occorre adeguarsi alla situazione, scegliendo un abbigliamento tanto formale quanto lo richiede l’ambiente di lavoro. In ogni caso, mai essere troppo informali, e soprattutto, mai mostrarsi disordinati, trasandati. E nemmeno eccessivi nei colori, nelle stampe, nei volumi, nella pelle scoperta. Abiti e accessori sono in qualche modo lo specchio della personalità, e, dimostra lo studio americano sopra citato, veicolano anche la percezione che abbiamo di noi stessi. Autostima, umore, coerenza, disagio: molto si può ‘leggere’ dal modo in cui ci si presenta. Ovviamente in un’azienda di finanza o in uno studio creativo si avranno standard diversi rispetto al margine di formalità e originalità dell’abito, ma in ogni caso la trasandatezza non paga.

Secondo i recruiters di TheLadders.co.uk l’arancione è il colore peggiore da indossare per un colloquio (95%), seguito dal rosso 84% e dal rosa 83%. Imperdonabili gli abiti stropicciati e macchiati per 59% dei dirigenti.

Per gli uomini sì a calzini neri 77%, scarpe in pelle nera 56%, abito su misura navy 51%, giacca e cravatta (50%), camicia a maniche lunghe bianca o blu 48% e gemelli 37%. No a chinos 50%, polo 66%, jeans 82%, t-shirt 88% e giacche di pelle 70%.

Per le donne sì a collant 94%, tacchi 69%, gonna o abito nero a metà lunghezza 64%. le perle 56%, Camicia a maniche lunghe o camicetta 42%; No a spalline 97%, scollature profonde 95%, gambe nude 94%, scarpe sportive 91% e gonna corta 60% gioielli pendenti 99%

Decalogo di stile per un colloquio

Facendo una media tra i consigli di esperti di stile, risultati degli esperimenti sulla percezione, e indicazioni di società di recruitment, ecco il decalogo che Espresso Communication ha stilato per trovare il perfetto outfit da colloquio. 1) I vestiti devono essere sempre puliti e stirati. 2) No ad abiti troppo stretti, che non si adattano al fisico. 3) Niente colori sgargianti. 4) Evitare accessori e gioielli vistosi, oppure profumi e dopobarba troppo persistenti. 5) Indossare scarpe pulite e non usurate. Gli uomini dovrebbero optare per un paio di stringate classiche ed evitare sneaker. Mentre alle donne si consiglia di non indossare tacchi eccessivamente alti e sandali. 6) Indossare una cintura coerente con l’outfit e possibilmente abbinata al colore delle scarpe. 7) Avere capelli e barba in ordine. 8) Importante avere le mani curate: sono la parte del corpo maggiormente esposta durante il colloquio. 9) Ricordare che non esistono colloqui informali. Nel dubbio meglio eccedere con le formalità. 10) Infine, è fondamentale essere se stessi.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ModaTag