Pubblicato il

Igiene mani: anche l’acqua fredda uccide i batteri

Al fine di neutralizzare i germi la temperatura dell’acqua è indifferente: a rivelarlo è stato uno studio effettuato dai ricercatori della Rutgers University

igiene mani
Courtesy of©hxdbzxy/iStock

Igiene mani: mai dimenticarsi di lavarle. Soprattutto quando si passa molto tempo fuori casa e sui mezzi pubblici. Un gesto semplice è in realtà fondamentale al fine di scongiurare la presenza di batteri. Acqua calda o fredda? Quale usare? Stando a quanto riporta il Daily Mail, uno studio condotto dai ricercatori della Rutgers University, e pubblicato sul Journal of Food Protection, avrebbe fornito informazioni decisamente interessanti a riguardo.

Igiene mani: come lavarle

Sebbene sia risaputo che il calore uccide i batteri, la ricerca ha dimostrato che, in realtà, l’acqua fredda è efficace al pari di quella calda a patto che le mani vengano lavate per almeno dieci secondi. Che dire poi del sapone? Antibatterico o normale poco importa.

La gente deve sentirsi a proprio agio quando si lava le mani. Per quanto riguarda l’efficacia, questo studio dimostra che la temperatura dell’acqua utilizzata non ha importanza” – ha fatto sapere il professor Donald Schaffner della Rutgers University.

Acqua calda o fredda? Lo studio

Al fine di supportare la tesi, il team di ricerca ha chiamato in causa 21 volontari. E’ stato chiesto loro di esporre le proprie mani a un gruppo di batteri lavandole, più volte, sia con un sapone normale che con uno antibatterico, a una temperatura di 15, 26 e 38 C °. Il tutto per un arco di tempo pari a sei mesi. Cosa hanno scoperto? Né la temperatura dell’acqua né la quantità e il tipo di sapone utilizzato hanno portato a differenze significative per quel che concerne la quantità di germi rimossi dalle mani.

Secondo la Dott.ssa Lisa Ackerley, Food Safety Adviser presso la British Hospitality Association, l’acqua calda può favorire la solubilizzazione del sapone ma senza avere, da sola, un effetto battericida. Negli Stati Uniti, ad esempio, ristoranti e punti ristoro devono usare l’acqua a una temperatura pari a 38 ° C.

In Inghilterra invece, secondo The Food Standards Agency, tali locali dovrebbero essere dotati di lavabi con acqua corrente, calda e fredda, sapone e un sistema igienico per l’asciugatura delle mani.

Lavare le mani per almeno 10 secondi

I ricercatori sottolineano però che, prima e dopo aver preparato i pasti e utilizzato i servizi igienici, è più importante lavare a fondo le mani piuttosto che soffermarsi sulla temperatura dell’acqua.

Inoltre lo studio ha evidenziato che lavarsi le mani con acqua calda è dispendioso. Non solo. E’ anche dannoso per l’ambiente. “Stiamo sprecando energia per riscaldare l’acqua ad un livello che non è necessario” – ha detto il professor Schaffner. Ha poi concluso dicendo: “Penso che questo studio indichi che ci dovrebbe essere un cambiamento normativo.”

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag