Pubblicato il

Cosa mangiare per sopravvivere al caldo

La tavola ha un ruolo fondamentale quando aumentano le temperature: ecco quali cibi scegliere e quali evitare

cosa mangiare quando fa caldo
iStock

Cosa mangiare per sopravvivere al caldo? potrebbe sembrare una cosa da poco pensare alla tavola durante l’estate. In realtà oltre alle precauzioni come docce fredde, abiti leggere, cappelli e creme solare, l’educazione alimentare gioca un ruolo fondamentale.

Cosa mangiare per sopravvivere al caldo: grassi e carne rossa

A pranzo si è tentati da un cheese burger o da una pizza? Errore. Quando fa caldo, il cibo spazzatura o qualsiasi altro cibo grasso in generale dovrebbero essere evitati. Questo perché richiedono un grande sforzo da parte del corpo per essere digeriti. Ebbene sì: il processo digestivo aumenta la temperatura del corpo.

Anche se le belle giornate accendono il desiderio di barbecue all’aperto, la carne rossa è sconsigliata. E questo per lo stesso motivo per cui sono da evitare i grassi: la difficoltà a digerire. Se proprio non potete fare a meno della brace optate per carne bianca, carne di maiale e pesce.

Cosa mangiare per sopravvivere al caldo: bevande e zucchero

Le bevande accelerano il bisogno di andare in bagno e favoriscono la disidratazione. Per sopravvivere ai giorni di caldo bisogna moderare il consumo di tè, caffè e birra. Lo stesso vale per tutte le bibite gassate. L’acqua è ovviamente l’unica fonte di idratazione adatta all’estate: permette di eliminare le tossine accumulate e di reintegrare l’organismo dei liquidi persi attraverso la sudorazione.

Gli zuccheri apportano calorie inutili, favoriscono la disidratazione e sono anche difficili da digerire. Tutto questo porta all’aumento della temperatura corporea e al disagio nell’affrontare le calde giornate estive. Il consiglio è di stare alla larga da dolci, torte, bevande con conservanti e anche succhi di frutta. Occorre anche moderare il consumo di pane, pasta o patate.

Le bevande alcoliche devono avere la stessa sorte in estate. Anch’esse disidratano il corpo a causa del loro effetto diuretico. Se avete voglia di un drink sulla spiaggia è meglio ordinare un solo bicchiere di vino rosato, più rinfrescante rispetto ai “fratelli” bianco e rosso.

Estate: cosa mangiare

Verdure, ovviamente, le grandi protagoniste della stagione estiva. Ricche di acqua, sono da preferire crude per fare in modo che non perdano con la cottura sali minerali e vitamine. Ma anche cotte compiono il loro dovere: l’importante è che vengano messe in pentola per pochi minuti. In questo caso la cottura non ne eliminerà i nutrienti. Pomodoro, lattuga e cetrioli sono ricchi di sostanze necessarie a combattere l’afa. Zuppe fredde come il gazpacho sono un ottimo mezzo per favorire l’idratazione e il rifornimento di vitamine.

Per quanto riguarda le insalate si può optare per diverse verdure come peperoni, ravanelli e pomodori, insieme a un po’di amido (riso, quinoa…). Ma le insalate possono anche essere accompagnate da una fetta di pane integrale, un petto di pollo o prosciutto cotto senza conservanti. In questo modo si avrà un piatto bilanciato. Per quanto riguarda i dessert, via libera a frutta fresca o macedonie, ricchi di acqua. Melone, anguria e fragole possono anche essere abbinati a gelati artigianali e sorbetti. Il limone è una grande fonte di vitamina C: è possibile spremerlo fresco anche nell’acqua durante i pasti.

I prodotti caseari sono spesso dimenticati in estate, ma in realtà sono una fonte importante di idratazione. La ricotta e lo yogurt naturale sono costituiti per il 90% di acqua, proprio la come frutta. Infine, è importante ricordare che è essenziale bere anche prima di sentire sete. Le quantità? Fino a 2,5 litri nel corso della giornata.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag