Pubblicato il

Mirtillo rosso, scoperte nuove proprietà

Il cranberry è considerato uno dei frutti più benefici al mondo. Ora ancora di più

mirtillo rosso
istockphotos

E’ considerato talmente virtuoso che alcune terapie (naturali e non) lo contemplano come coadiuvante. Parliamo del mirtillo rosso, o perlomeno del suo succo e delle preparazioni erboristiche preparate con il frutto prezioso. Perché in effetti in Italia non è facile reperirlo fresco, ma i suoi principi attivi sono così potenti che se ne trovano in commercio i derivati da assumere per curare molte patologie. In particolare, le infiammazioni delle vie urinarie trovano sollievo immediato dall’assunzione di mirtillo rosso, grazie alle sue grandi proprietà antibatteriche.

Non solo: il succo del mirtillo rosso è ricchissimo di antiossidanti, tanto che sono in corso alcuni studi che lo relazionano alle terapie anti-tumorali.

C’è chi li assume sotto forma di succhi, infusi o estratti e chi, invece, al fine di fare tesoro delle loro innumerevoli proprietà, ricorre a degli integratori alimentari che li rendono protagonisti: il sito Consigli.it propone una selezione di integratori al mirtillo da tenere a mente dopo aver consultato il proprio medico.

‘Nuove’ virtù del mirtillo rosso

Data la sua diffusione negli Stati Uniti è anche noto con il suo nome anglofono, cranberry. Da sempre considerato un supercibo, un nuovo studio (fonte) riscontra che potrebbe avere effetti benefici per quanto riguarda la salute dell’intestino. E non sono poche le ricerche che collegano il benessere intestinale con quello generale dell’organismo. Alcuni batteri ‘buoni’ tra quelli che compongono la flora intestinale gradirebbero molto il frutto. O i supplementi a base di esso.

La ricerca proviene dall’Università del Massachusetts Amherst, e in particolare si sofferma su una sostanza presente nel cranberry. Si tratta di un tipo di xiloglucani, una catena di glucosio di cui sono ricchi i mirtilli rossi. Essi ‘nutrono’ la flora intestinale, garantendo il benessere della pancia. E di conseguenza il tono generale dell’organismo, il livelli di energia, la linea. Persino l’emotività e l’umore sembrano essere influenzati dal benessere intestinale. Sembra tuttavia che sia meglio assumere supplementi piuttosto che il frutto integrale, perché la parte che contiene più xiloglucani, ovvero la buccia, non è digeribile, riporta il Daily Mail. Lo studio è solo agli albori, quindi gli esperti avvertono: occorre attendere ulteriori approfondimenti per avere la certezza che il legame tra mirtillo rosso e intestino sia efficace. Ma i primi risultati sono promettenti.

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie BeautyTag