Pubblicato il

Water pulito e igienizzato? Occhio agli errori

Spesso anche la più accurata pulizia del water potrebbe rivelarsi inadeguata. Gli esperti spiegano in cosa, spesso, si tende a sbagliare

water
djedzura-istock

Il bagno è un luogo estremamente delicato, per la pulizia del quale, generalmente, si presta particolare attenzione. Non importa quanto impegno e quanto tempo si dedichi all’igiene di questa stanza. Se si continuano a commettere alcuni piccoli errori estremamente comuni nella pulizia del water, ogni sforzo verrà vanificato. Secondo gli esperti, infatti, quando ci dedichiamo alla pulizia della toilette siamo spesso vittime di un paio di abitudini dure a morire. Abitudini che potrebbero rendere la stanza un luogo potenzialmente nocivo per la salute. Stephany di Expert Home Tips ha svelato al sito Good Giusekeeping quali sono.

La tavoletta del water non è un optional

Quante volte in casa ci si ritrova a discutere perché qualcuno ha la tendenza a non abbassare la tavoletta del water. Bene, questo vizio può costare caro. Ma anche chi di solito è ligio e non dimentica di abbassarla dopo l’uso, forse non sa che il water andrebbe chiuso prima di tirare lo sciacquone. Gli esperti, infatti, sostengono che tenerlo aperto durante il risciacquo è poco igienico. Questo perché la pressione dell’acqua che scende sulle pareti del water potrebbe generare degli schizzi al di fuori di esso. Secondo i calcoli effettuati, l’acqua potrebbe essere schizzata fino ad oltre quattro metri di altezza. Andandosi, quindi, a depositare su altre superfici presenti nella stanza da bagno, persino sugli spazzolini da denti. Assieme a tutti i batteri (dalla Salmonella alla Sighella) raccolti all’interno del vaso. Per questo bisognerebbe sempre abbassare la tavoletta prima di tirare l’acqua.

Lo scopino per il water è un ricettacolo di batteri

Quando si utilizza l’apposito scopino per pulire il water, la tendenza, generalmente, è quella di riporlo immediatamente, ancora bagnato, nel suo supporto. Niente di più sbagliato. Gli esperti spiegano, infatti, che i batteri proliferano nei luoghi umidi. L’acqua che si deposita nel contenitore, dunque, offre ai microrganismi raccolti con lo spazzolino, l’ambiente ideale per proliferare. Quando si utilizza lo scopino per il water, dunque, bisognerebbe sempre pulirlo accuratamente, igienizzarlo e lasciarlo asciugare completamente. Soltanto allora si potrà essere sicuri di aver neutralizzato tutti i batteri nocivi. Anche se in realtà, secondo l’autrice di The Cleaning Bible, l’unico modo per essere davvero sicuri del livello di igiene del proprio bagno sarebbe quello di eliminare completamente l’utilizzo dello scopino. Meglio prediligere guanti di gomma e detergenti di qualità.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag