Pubblicato il

Rough Guides svela quali sono i paesi più insoliti da visitare

Dove andare il prossimo anno per organizzare un viaggio particolare

Camberra tra le destinazioni da visitare secondo Rough Guides
©iStockphoto

Rough Guides, la celebre collana di guide viaggi, ha appena annunciato la sua lista di destinazioni da non perdere per il 2018. Dimenticate New York, Londra o Parigi. Le mete dove andare il prossimo anno sono meno conosciute. Il primo posto è stato conquistato da Newcastle, in Inghilterra. Città lodata per la cordialità degli abitanti, la vita notturna, i ristoranti, l’architettura e, cosa che non guasta, non cara. Ecco quali sono altre destinazioni inaspettate.

Dove andare nel 2018 secondo Rough Guides

Gibuti
Situato nel Corno d’Africa, Gibuti è entrata a far parte della lista dei 10 paesi più importanti per il 2018 da Lonely Planet. La scelta è stata controversa per la situazione politica e sociale del paese. Ma l’ex colonia francese incanta per i suoi panorami selvaggi e la natura incontaminata dove ci si perde tra vulcani, laghi salati ed isole coralline. Qui si trovano siti geologici unici al mondo.

Lanzarote
E’ una delle isole Canarie al largo delle coste dell’Africa occidentale. Le sue formazioni rocciose di lava nera alternate a spiagge di sabbia bianca e al mare turchese offrono scorci spettacolari. Sia per una vacanza estiva che per un soggiorno invernale al sole. Vi si trovano infrastrutture ben sviluppate che offrono ampia scelta di alloggi economici, cibo e noleggio auto.

Canberra
La capitale dell’Australia viene solitamente trascurata a favore di Sydney e Melbourne. Ma vale la pena scoprire i tesori nazionale che si trovano in ogni angolo. Inoltre nascono di continuo interessanti boutique, ristoranti con ottime proposte gastronomiche ed iniziative culturali.

Le destinazioni più strane del prossimo anno

Coventry
La città delle Midlands è stata nominata Città della Cultura del Regno Unito per il 2021. Pesantemente bombardata durante la seconda guerra mondiale ha visto distrutti molti dei suoi edifici, tra cui la cattedrale. Tra le nuove ricostruzioni spicca proprio la Cattedrale. Il progetto avveniristico è stato realizzato da Sir Basil Spence, con una squisita e moderna vetrata.

Boise
La capitale dell’Idaho è tradizionalmente conosciuta come una destinazione d’affari grazie al Boise Center, il più grande centro congressi del paese. Tuttavia è entrata nella lista dei “50 luoghi migliori per viaggiare nel 2018″ di Travel and Leisure. Questo grazie ad un centro città che si è arricchito di nuove costruzioni. Come un boutique hotel di 110 camere con un superbo ristorante in loco, Richard’s. La città ha anche una fiorente produzione di birra artigianale ed è nota per l’ industria del vino.

Tunisia
Per molti la Tunisia è ancora inspiegabilmente legata al terrorismo dopo l’attacco di Sousse nel giugno 2015. Ma tre anni dopo, Rough Guides è pronta a raccomandarla ancora una volta. Gli sforzi del governo tunisino per rafforzare la protezione dei centri turistici sono evidenti.  C’è una maggiore presenza della polizia e un senso di sicurezza generale accresciuto.

Sant’Elena
Frommer ha nominato il remoto avamposto vulcanico nell’Oceano Atlantico meridionale come uno dei suoi “migliori posti dove andare nel 2018”. In parte grazie al fatto che è finalmente accessibile in aereo, con il primo volo commerciale mai atterrato all’inizio di quest’anno.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ViaggiTag

Articoli correlati