Pubblicato il

Essere creativi: ci si nasce o ci si diventa?

I creativi cercano sempre l’ispirazione. Ma è possibile allenare la creatività? Quali sono le strade per essere creativi il più a lungo possibile?

creativi
iStock

Il segreto dei creativi, che si tratti di grandi scultori, pittori o compositori, non è solo quello di essere fortemente dotati. E di avere una spiccata ed innata attitudine verso una particolare abilità. Ma anche di avere il costante obiettivo di allenare la mente a rimanere creativa il più a lungo possibile. Come? Adottando una serie di comportamenti virtuosi in grado di stimolare la creatività.   Immaginando, sperimentando, conoscendo e facendosi ispirare.

Secondo la scienza l’immaginazione creativa, è il motore della genialità. L’arma a disposizione in grado di far scattare la scintilla vincente. Per generare una scoperta scientifica, un capolavoro dell’arte o della musica. L’immaginazione creativa è però sfuggente e temporanea. Tanto che da sempre, artisti e scienziati, spesso alle prese con vuoti ispirativi, si sono chiesti se e come sia possibile allenare la creatività.

I creativi secondo la scienza

Per Valerie di Mulukom, ricercatore associato di Psicologia all’Università di Coventry, in Gran Bretagna, i contenuti creativi possono essere assolutamente stimolati. Come ha dimostrato da uno studio sperimentale effettuato su un gruppo di bambini. Quando osservano contenuti creativi o seguono l’attività di bambini con un alto grado di attività, diventano essi stessi più creativi.

Ma esistono diversi meccanismi in grado di stimolare la creatività. Per esempio un corso di pensiero creativo per la scrittura, di improvvisazione per la musica o per la recitazione, di problem solving per il business. Oppure utilizzando strumenti di auto stimolazione. Come ad esempio l’immaginazione fantastica. Ovvero la capacità di diventare completamente assorbito da un’idea per la finalizzare un progetto creativo di successo. O l’immaginazione episodica. Che utilizza episodi vissuti e disponibili nella nostra mente per imparare dagli errori. Per poi visualizzare i successi futuri.

In base alla ricerca scientifica però, ciò che realmente stimola il pensiero creativo è l’insieme di esperienze acquisite in quel preciso campo. Quanto più a lungo siamo stati esposti ad un problema. Quante più volte ci siamo resi disponibili a ricominciare dopo aver commesso errori. Più saranno elevate le probabilità che riusciremo a trovare l’idea giusta. Del resto, come amava dire Pablo Picasso “Impara le regole come un professionista, in modo da poterle rompere come un artista.”

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag